Da neet ad imprenditore con SELFIEmployment

Un finanziamento a tasso zero per giovani tra i 18 e i 29 anni, iscritti a Garanzia Giovani, che non studiano, non lavorano, non frequentano percorsi di formazione professionale. E se pensi di avere una buona idea imprenditoriale ma non sai da che parte cominciare impara come dare vita alla tua idea con Yes I Start Up , un percorso gratuito di formazione all’autoimpiego che ti fornisce le competenze necessarie a trasformare un’idea imprenditoriale in realtà. Così Invitalia – agenzia del ministero dell’Economia – ed Anpal hanno dato vita al programma SELFIEmployment, un finanziamento per progetti di impresa fino a 50mila euro con interessi a tasso zero e finanziamento agevolato.

“I giovani devono iscriversi al programma Garanzia Giovani – afferma Daniela Patuzzi (Invitalia) -, possiamo finanziare quasi tutti i settori tranne quello agricolo e pochi altri. Unica misura nazionale che finanzia anche il settore del commercio con un mutuo a tazzo zero, senza garanzie rimborsabile in sette anni”. Un programma pensato alle piccole imprese con un finanziamento che non può superare i 50mila euro. “Tre strade: micocredito fino a 25mila euro sotto forma di anticipo, microcredito esteso per programmi da 25 a 35mila euro, fino ai piccoli prestiti oltre 35mila euro”, specifica Patuzzi.

Ma non è detto che un giovane con un’idea abbia gli strumenti logistici per attuarla. A volte un finanziamento non basta. Ecco allora che è nato un altro strumento per i neet: Yes I Start Up. Un programma di formazione gratuito attraverso che prevede la realizzazione di percorsi formativi di 80 ore in cui esperti forniranno le conoscenze adatte per fare impresa.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, scatta obbligo mascherina anche per le elementari: “Va portata sempre”

Next Article

Il lavoro del futuro è digitale. Gap digitale: "In Italia 3,5 milioni di famiglie ancora non hanno internet"

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.