Da ingegneria ai circuiti di MotpGp: gli studenti dell’UniBo progettano una Ducati elettrica

A luglio il team corse dell’Università di Bologna porterà la moto elettrica sviluppata assieme ai tecnici della “rossa” di Borgo Panigale in gara.

Vedere sfrecciare su un circuito internazionale la propria moto progettata durante gli studi è il sogno di molti universitari appassionati di motori. A Bologna c’è chi questo sogno lo sta realizzando: grazie a un accordo con il team Ducati, infatti, a luglio il team corse dell’Università di Bologna (Unibo Motorsport) porterà la moto elettrica sviluppata assieme ai tecnici della “rossa” di Borgo Panigale sulla pista di Aragon, in Spagna,  per partecipare alla Motostudent international competition con l’obiettivo dichiarato di migliorare il terzo posto conquistato nel 2018 all’esordio nella gara internazionale in cui si sfidano le squadre di varie università.


L’Università di Bologna, infatti, ha rinnovato per un altro biennio l’accordo con la Fondazione Ducati che ha affiancato con risorse, ingegneri e supporto tecnico la nascita o lo sviluppo del racing team Unibo Motorsport, che coinvolge ogni anno decine di studenti che negli anni hanno lavorato alla messa a punto di una moto elettrica da competizione. Un progetto che secondo il rettore Francesco Ubertini “incarna quello che deve essere formazione universitaria: da apprendimento passivo ad apprendimento attivo che mette al centro lo studente”.

Quello della gara in Spagna non è l’unico successo in campo sportivo del team universitario emiliano-romagnolo. Qualche settimana fa, infatti, il team Unibo Morotsport ha conquistato il gradino più alto del podio nella Red Bull Motoboost, una competizione dedicata alla progettazione di appendici aerodinamiche per la carena delle moto per migliorarne le prestazioni. Un successo che permetterà a sette studenti dell’Alma Mater (Stefano Tagliamonte, Giovanni Liuzzi, Anna Bondioli, Matteo Bettini, Martina Battilani, Rebecca Rimondi, Riccardo Pedini) di vivere un’esperienza da protagonisti durante il Gran premio d’Austria al Red Bull Ring, inserendosi come giovani ingegneri nella Red Bull MotoGP Rookies Cup, in programma ad agosto.

Total
4
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Commissariamento per l'Anpal, l'agenzia dei navigator. Dovevano abolire la povertà ma sono finiti nella nebbia

Next Article
Vaccino docenti

I prof impegnati negli esami di maturità potranno rimandare la seconda dose del vaccino

Related Posts
Leggi di più

Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

"La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta", parole della ministra Cristina Messa