Da alcuni studenti un App per smascherare l’inflazione

Questa volta ad essere infuriati non sono gli uccellini, ma i cittadini. Arriva direttamente dall’Argentina Angry Indec, l’app che smaschera il governo sui veri prezzi dei prodotti.
A studiare il progetto sono stati 5 ragazzi dell’università tecnologica nazionale di Zarate Campana, vicino Buenos Aires, insieme al loro professore di riferimento, Sergio Viera.
Il giochino è semplice: sullo schermo compaiono diversi prodotti di largo consumo; sta al cittadino selezionare il prezzo giusto. Il tutto si basa su quello che è il tasso di inflazione del paese; secondo il governo, infatti, la percentuale non supera i 9 punti, ma dati dall’economia reale confermano il peso dell’inflazione fino al 30 %.
Più si allarga la forbice, più aumenta la differenza tra il costo dei prodotti. Si arriva così al prezzo di un caffè al bar, che secondo il governo (tramite l’Indec, appunto) non supera in media i 7 pesos (poco più di 1 euro), ma che in realtà non scende mai sotto i 14 pesos, e a volte tocca i 25 – più del costo di una tazzina a Milano.
L’App punta proprio su questo: negli ultimi anni il dibattito sull’inflazione in Argentina si è fatto sempre più acceso. Da una parte il prezzo dei prodotti continua a salire, dall’altra il governo cerca di minimizzare e smentire ad ogni occasione. Ora, con questa nuova applicazione, i ragazzi sperano di smascherare definitivamente il trucco. Ma non finisce qui; tutti gli iscritti a un social network possono partecipare al gioco. Senza barare, ovviamente.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Save the children: "i bimbi nascono indebitati e tra i giovani aumenta la dispersione"

Next Article

"Knowledge Graph", la ricerca su google diventa più facile

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.