CRUI, lectio magistralis di Stefano Paleari: "Per un New Deal dell'università italiana"

Un nuovo corso per l’università italiana, un vero e proprio “New Deal” sull’impronta di quello che il presidente americano Franklyn Delano Roosvelt varò nel 1933 per la società statunitense, all’epoca in profonda crisi, e che ebbe l’effetto di rilanciare l’economia USA al punto da far diventare gli States il più potente paese al mondo. Questo il progetto che il Presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI), Stefano Paleari ha illustrato in una lectio magistralis presso l’Università di Brescia lo scorso 14 dicembre.
Costi standard, investimenti sinergici tra pubblico e privato, garanzie per ricercatori e docenti, diritto allo studio equo ed equilibrato: queste alcuni dei punti forti del discorso di Paleari, il tutto innestato su 5 principi di riferimento e 5 valori (libertà di scelta; libertà di gestione; libertà dei ricercatori; libertà di ricerca; libertà di valorizzazione del capitale umano).
Di seguito riportiamo integralmente la lectio magistralis del professor Paleari, introdotta da un breve abstract:
[embeddoc url=”https://cdn.corriereuniv.it/uploads/2015/12/Verso-un-New-Deal-per-lUniversita-Paleari-Dicembre-2015.pdf”]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Legge di Stabilità, Giannini: "Sul Diritto allo Studio risultato storico"

Next Article

La rassegna stampa di lunedì 21 dicembre

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.