Coronavirus, la fine del mito dei giovani “intoccabili”: aveva 12 anni la vittima più giovane d’Europa

ALL’inizio della pandemia la notizia che le vittime erano spesso anziane e con altre patologie aveva dato la falsa speranza che una certa fascia d’età fosse immune. Dopo la morte di una sedicenne in Francia e di un quattordicenne in Portogallo, la notizia del decesso di una dodicenne in Belgio spazza via in modo definitivo questa convinzione. La vittima belga è la più giovane in Europa; viveva a Gand, frequentava la scuola, ma dal 13 marzo non andava più; dal 16 infatti è poi partito il blocco totale delle lezioni. La notizia è stata confermata dal sindaco e dallo stesso istituto frequentato dalla ragazzina, la De Harp Basic School. Gli altri studenti e gli insegnanti sono stati informati, non è chiaro se dovranno sottoporsi al tampone dato che sono passate più di due settimane dall’ultima volta che avevano visto la vittima. Il go- verno ha introdotto limiti agli spostamenti dal 18 marzo, e le misure sono state prorogate fino al 19 aprile. Come nel resto d’Europa, gli esercizi commerciali non essenziali devono restare chiusi, e sono stati reintrodotti controlli alla frontiera. A gestire la crisi è il governo di Sophie Wilmes, a capo dell’esecutivo ad interim dopo le dimissioni di Charles Michel, che dal primo novembre presiede il Consiglio europeo.

ilfattoquotidiano

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Specializzandi anti-Covid bloccati dai prof “baroni”

Next Article

Come finirà l'anno scolastico? Le ipotesi allo studio

Related Posts
Leggi di più

Concorso scuola, docenti chiedono di riaprire le domande

Iscrizioni sono state chiuse il 31 luglio 2020. Altri candidati hanno acquisito il requisito di partecipazione, altri chiedono di modificare la regione dato che la scelta era stata avanzata sulla base di una eventuale prova preselettiva adesso eliminata
Leggi di più

Scuola, l’organico Covid prorogato fino a giugno

Soddisfatti i rappresentanti dei lavoratori e i dirigenti scolastici. Il personale inserito tra settembre e inizio ottobre nelle classi per dare un aiuto concreto ai docenti curriculari, potrà continuare a lavorare fino alla fine dell’anno