Convegno Internazionale: "Napoli, culla delle culture"

doria.jpgNei prossimi 24 e 25 novembre si terrà un convegno internazionale in omaggio alla città partenopea. “Napoli, culla delle culture” è il titolo di questo evento che vedrà la partecipazione di intellettuali, giornalisti e studiosi presso Villa Doria D’Angri, prestigiosa residenza dell’ Università Parthenope di Napoli.
L’iniziativa, fortemente sostenuta dell’ Assessorato al Turismo della Regione Campania, dal Rettore Gennaro Ferrara e dal preside della facoltà di Economia Claudio Quintano per contrastare l’immagine negativa che negli ultimi tempi sembra regnare sovrana nelle pagine dei quotidiani nazionali ed internazionali, prevede la partecipazione di illustri nomi del panorama culturale mondiale.
Tra i relatori: lo scrittore napoletano Renato De Falco, lo scrittore francese Jean Noël Schifano, l’editore napoletano Rosario Bianco, il professore Pierre Brunel dell’Università Sorbonne di Parigi, il vicedirettore del “Roma” Andrea Manzi, il caposervizi de “Il Mattino” Marilicia Salvia.
Nell’ambito della manifestazione Giovanni Dotoli, docente all’Università degli Studi di Bari e poeta presenterà la sua ultima opera: Poema per Napoli, un omaggio in versi alla nostra città.
Per informazioni tel. 081.5474825
e-mail:[email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Siena, precari chiedono dimissioni Focardi

Next Article

Agenti per Fabbri nel Lazio

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.