Contro la crisi, arriva la bioaspirina. Costerà solo 1 euro

Schermata 2013-03-11 a 11.59.44

L’Università di Creta ha inventato la bio aspirina a base di erbe e olio, che costerà solamente un euro. E’ una risposta positiva alla crisi del Paese, in cui l’intero settore della farmaceutica sta vivendo anni drammatici, con il 60% di disoccupazione tra gli informatori scientifici. In Grecia, poi, alcuni farmaci per malattie gravi quali il tumore e l’Hiv risultano essere introvabili.

La ricerca per la bioaspirina non è stata finanziata da fondi pubblici ed è stata portata avanti dagli sforzi dei ricercatori dell’Ateneo, coordinati dal professor Elia Kastanas e da Xristos Lionis, e da quelli della Rethymon Cooperativa Agricola e della Gallenica farmaceutica.

L’Università di Creta ha da poco messo a punto il brevetto mondiale per questa nuova bioaspirina, basata su un mix di tre erbe che crescono nell’isola di Minotauro e che vengono poi sciolte nell’olio d’oliva locale. I ricercatori dell’isola sono riusciti a dimostrare che i cretesi che hanno consumato il cocktail di erbe e olio hanno poi sviluppato resistenza a raffreddori e infezioni. Tuttavia, il professor Kastanas si rifiuta di rivelare quali erbe occorrano per l’Organic aspirina Creta. Teme che si possa avere quello che ha denominato l’effetto “frappé”, ovvero la corsa alla ricerca delle erbe miracolose da parte dei cittadini, che cercherebbero di sfruttarle artigianalmente e con non pochi rischi.

La medicina potrà essere immessa sul mercato già a partire da quest’anno. Il costo sarà rivoluzionario: soltanto un euro.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Terremoto in Calabria. L'epicentro a Cosenza

Next Article

Facebook, arriva il primo giornale

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".