Contratto scuola, un’altra fumata nera: tempi lunghi per il rinnovo nonostante il pressing dei sindacati

Cresce la preoccupazione tra i rappresentanti di categoria per il mancato rinnovo del comparto Istruzione e Ricerca. Oggi vertice all’Aran che si è concluso con un nulla di fatto. Prossimo incontro atteso per luglio.

Sembrano destinati ad allungarsi i tempi per il rinnovo del contratto della scuola. Oggi, nonostante la richiesta da parte dei sindacati di chiudere al presto un accordo che preveda un aumento di risorse, la seconda seduta di trattativa all’Aran per il rinnovo del contratto Istruzione Ricerca 2019-21 si è concluso con un nulla di fatto. Un incontro importante arrivato subito dopo lo sciopero della scuola indetto dalle maggiori sigle sindacali lo scorso 30 maggio che ha visto una buona adesione da parte dei lavoratori.  

Dai sindacati è arrivata una richiesta unanime a chiudere al più presto la trattativa. La Flc Cgil sollecita un’accelerazione “anche per giungere in tempi brevi alla drittura di arrivo, ben consapevoli in ogni caso che, dovendosi per la FLC Cgil sottoporre qualsiasi accordo all’approvazione dei lavoratori, non si potrà che concludere a scuole e posti di lavoro in piena attività”.

Anche Anief ha sostenuto con forza la proposta di chiudere subito un contratto ‘ponte’ per il periodo 2019-2021, così da fare avere arretrati e rinnovare le tabelle economiche. “L’aumento dell’inflazione oltre il 7% – ha detto Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – impone al Governo un impegno preciso a trovare risorse adeguate nella prossima Legge di Bilancio e a tutti noi di pretendere un contratto ‘ponte’ che dia i 3.000 euro e i 107 euro di aumenti lordi subito, per poi rimandare nel merito al nuovo tavolo per il rinnovo del CCNL 2022/2024 tutte le questioni poste da parte sindacale e datoriale, con l’impegno di reperire nuove risorse legate all’inflazione registrata”.

Anief ha spiegato che proprio perché le risorse sono irrisorie, l’Aran e il Governo non possono pretendere di stilare un mega-contratto, che riporti in un unico testo i due precedenti e aggiunga contenuti nuovi e fondamentali con lavoro agile e formazione, bloccando i sindacati in una estenuante trattativa da cui i lavoratori trarranno ben poco giovamento a fronte di un aumento dei carichi e delle responsabilità. Un nuovo incontro tra le parti dovrebbe tenersi a luglio.

LEGGI ANCHE:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Napoli, storica villa dei boss diventa la nuova sede dell'Università

Next Article

Maturità ed esame di terza media non ci saranno per gli studenti ucraini

Related Posts
Leggi di più

Ue, quattro scuole italiane vincono il premio per l’insegnamento innovativo

Annunciati i vincitori dell'edizione 2022 del Premio europeo per l'insegnamento innovativo EITA- European Innovative Teaching Award: sono l'Istituto tecnico agrario “A. Trentin” di Lonigo (Vicenza), la scuola secondaria Statale di Primo Grado "G.Bianco- G. Pascoli" di Fasano (Brindisi), l'Istituto comprensivo "D'Azeglio-Nievo" di Torino e "Ettore Guatelli" a Collecchio (Parma). Il 25 ottobre la consegna dei premi a Bruxelles.