Consumo sostenibile, il premio alla tesi migliore

La Fondazione ICU – Istituto Consumatori Utenti propone agli autori di tesi di laurea su materie inerenti i consumatori il Premio Consumo Sostenibile.

Le tesi devono trattare argomenti che riguardino in particolare: economia solidale, commercio equo e solidale, risparmio e lotta agli sprechi, qualità e costi dei consumi alimentari, sicurezza degli utenti e dei consumatori, vantaggi delle energie rinnovabili, informazione e “trasparenza” nel mercato, strumenti economici per un consumo più sostenibile, legislazione e giurisprudenza a favore dei consumatori, Unione Europea e politiche per i consumatori.
Al Premio Consumo Sostenibile sono ammesse tesi discusse nelle Università italiane, negli anni accademici dal 2000-2001 in poi, inviate entro il 30 settembre 2009 alla Fondazione ICU, in
viale Venezia, 7 – 30171 Venezia Mestre.
I premi sono così articolati:
1° premio 750 euro
2° premio 250 euro
3° premio segnalazione sui Libri dei Consumatori

Il Bando completo e la scheda di partecipazione possono essere scaricati dal sito web www.fondazioneicu.org.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Posti in agenzia immobiliare, a Roma

Next Article

Settimana politica nell'ateneo di Torino

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).
Leggi di più

Ingegneria industriale, Medicina e Farmacia: ecco la lauree che fanno guadagnare di più. Male Psicologia e Scienze della formazione

Secondo il 24esimo rapporto di AlmaLaurea ci sono sostanziali differenze nel livello degli stipendi tra laureati: soprattutto per chi ha scelto un percorso di studio in ambito ITC e nuove tecnologie la retribuzione sfiora i 1900 euro al mese mentre i laureati in ambito umanistico guadagnano in media 500 euro in meno.