Con un cane al lavoro aumenta la produttività

lottery

Se è vero che la compagnia di un cane o un gatto aiuta a tenere bassi i livelli di stress e a rilasciare più in fretta la tensione, è anche vero che nei lavori più snervanti non sarebbe una cattiva idea quella di poter portare il proprio amico a quattro zampe in ufficio, e poco importa se nell’area di lavoro abbondano peli, l’importante è mantenere alto l’umore dei dipendenti.

Proprio per questo sono già molte le aziende che hanno adottato standard in questo senso e permettono di arrivare la mattina a timbrare il cartellino con un amico al guinzaglio o nella gabbietta.

Negli Stati Uniti l’American Pet Product Manufacturers Association (APPMA) ha stimato che un’impresa su cinque favorisce regolamenti aziendali che permettano di ricreare un ambiente confortevole e familiare anche grazie alla presenza dei propri amici cani e gatti.

Così fanno Google, Amazon e Procter&Gamble, sono per citarne alcune, che sono, per altro, anche le aziende al mondo delle quali le classifiche dicono che si lavori meglio e ci si senta più felici e apprezzati.

Ci crediate o no, l’animale amato, nei dintorni della scrivania in ufficio, ha un effetto catalizzatore: una sorta di “pet therapy aziendale”, con il risultato di aumentare la collaborazione tra colleghi e lo spirito di squadra, oltre che far lievitare la produttività del singolo dipendente.

In Europa ci sono alcuni paesi che prevedono per legge la possibilità di portarsi al lavoro l’amico a quattro zampe, ad esempio l’Austria, dove basta munirsi di un patentino che attesti, in sostanza, che il cane o il gatto è in grado di stare in ufficio senza disturbare troppo gli altri dipendenti ed eventualmente gli altri animali.

In Italia a livello legislativo non c’è ancora alcuna normativa e il tema viene delegato al rapporto tra il datore di lavoro e il dipendente, ma sono comunque poche le aziende che hanno capito di poter   trarre profitto da questa presenza aggiuntiva.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In Calabria la regione finanzia master ai più meritevoli

Next Article

Il fondatore di Twitter usa male il suo Social

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".