Commissione Europea: borse di studio da 2.400 euro per formare giovani interpreti

interpreti

Vuoi diventare un interprete professionale? La Commissione Europea ti offre l’opportunità per realizzare il tuo sogno. Come ogni anno, infatti, la Direzione Generale Interpretazione (SCIC) della Commissione Europea mette a disposizione alcune borse di studio per corsi di formazione post-laurea per futuri interpreti.

Le borse si rivolgono a studenti di qualsiasi disciplina che siano stati ammessi a frequentare un corso di formazione post lauream in Interpretazione e Conferenze erogato da una istituzione universitaria o altro Ente equiparato e che, se portato a termine con successo, dia una qualifica come interprete professionale consecutivo o simultaneo.

L’importo della borsa ammonta a 2.400 euro per coloro che studiano in uno degli Stati membri, 1.600 euro per studenti di paesi candidati.

Possono partecipare al bando gli studenti cittadini di un Paese membro dell’UE o di uno dei Paesi candidati (FYROM, Islanda, Montenegro, Serbia e Turchia); coloro che siano già in possesso di un diploma universitario (o qualifica equipollente) oppure frequentare l’ultimo anno di un corso universitario; chi possieda una delle combinazioni di conoscenza linguistica richieste dal bando. Verrà data preferenza ai candidati che offrono una combinazione linguistica che più si adatta alle esigenze attuali e future della DG. La selezione verrà fatta sulla base della combinazione linguistica e la valutazione delle potenzialità del candidato.

La scadenza per presentare domanda (e accedere all’iter di selezione) è il 16 settembre 2014. Il bando (disponibile in inglese, francese o tedesco) e maggiori informazioni sul sito dell’Ente europeo.

 

GUARDA ANCHE LE ALTRE OPPORTUNITA’ OFFERTE DALLA ISTITUZIONI EUROPEE:

European Centre for Modern Languages

Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie

Ufficio europeo brevetti

Banca Centrale Europea (BCE)

Parlamento Europeo (per traduttori)

Parlamento europeo

Concilio dell’Unione Europea

Progetto Vulcanus

Banca Mondiale

NATO

 OCSE

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giovani ambasciatori italiani in volo verso l'Australia

Next Article

I ragazzi d'oro del 100 alla maturità

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.