Giovani ambasciatori italiani in volo verso l’Australia

australia

Anche quest’anno l’associazione Young Ambassadors Society, in collaborazione con il Governo Italiano e il Ministero degli Affari Esteri, ha reclutato e formato la Delegazione Giovanile Italiana che prenderà parte all’evento giovanile ufficiale e parallelo del G20 Australia.

Il G20 è il principale consiglio economico delle nazioni più sviluppate del mondo, e come tale include tanti paesi tra cui Germania, Regno Unito, Stati Uniti, Russia, e ovviamente l’Italia. L’impegno dei rappresentanti dei venti maggiori paesi industrializzati al mondo non si esaurisce però solo nelle discussioni dei Capi di stato e ministri dei rispettivi paesi. Il G20 è riuscito a dar voce anche ai giovani, e ci è riuscito grazie allo Youth20.

A Sydney, dal 12 al 15 Luglio 2014 avrà infatti luogo lo Youth20, il forum giovanile parallelo al G20. Il Summit accoglierà 120 delegati provenienti tra i paesi del G20 e rappresentanti le giovani menti più brillanti del globo. La visione dello Youth20 per il 2014 è duplice – di influenzare il presente e di plasmare il futuro. I giovani diplomatici, selezionati e formati dall’associazione YAS, avranno modo di esprimersi in merito a tematiche di grande attualità quali crescita e creazione di posti di lavoro; cittadinanza globale e sviluppo sostenibile, temi chiave di quest’anno.

A conclusione dei lavori di Y20, così come avviene all’interno dei canali diplomatici ufficiali, sarà prodotto un Final Communiqueè che rappresenta la posizione dei giovani riguardo i temi in agenda, e  che illustrerà ai Leader mondiali che prenderanno parte al G20, le posizioni dei loro colleghi più giovani in merito ai temi oggetto di discussione.

Young Ambassadors Society, che dal 2011 mira alla costruzione di un network globale al fine di favorire la cooperazione nazionale ed internazionale tra giovani, ha selezionato anche quest’anno i cinque giovani italiani che saranno chiamati a vivere questa esperienza unica. La delegazione italiana richiesta al Summit ha ora un volto: Marta Pirani, Giovanni Porcellana, Susanna Ferro, Mirco Bulega e Chiara Ratzenberger.

Marta Pirana è marchigiana, ma vive a Firenze dove frequenta l’ultimo anno del corso di laurea magistrale in Scienze dell’economia con indirizzo in Sostenibilità ambientale dei sistemi economici.

Giovanni Porcellana è invece un ingegnere nucleare, attualmente lavora al CERN di Ginevra nell’applicazione di acceleratori per curare il cancro. Giovanni si propone di portare un contribito al Summit attraverso le sue competenze in imprenditoria e sostenibilità energetica.

Susanna Ferro ha 27 anni ed è laureata in Relazioni Internazionali con un master in Comunicazione. Susanna ha un profilo decisamente internazionale: ha studiato a Varsavia e lavorato a Vienna presso la rappresentanza italiana delle Nazioni Unite.

Mirco Bulega è analista finanziario a Londra. Dopo una summer internship in un team di strategy in Credit Scuisse, Mirco è approdato nel teami European economics, dove la macroeconomia e i mercati finanziari sono il pane quotidiano, il tutto a soli 24 anni!

Chiara Ratzenberger è laureata in relazioni internazionali con un master in commercio internazionale. Chiara si occuperà del tema global citizenschip. Questo argomento è particolarmente rilevante per lei sia per via della sua storia personale, sia per via degli svilutti internazionalistici della vita moderna.

Le cinque menti della delegazione italiana, al momento in volo verso Sydney, verranno a contatto con centinaia di giovani da tutto il mondo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concorso magistratura: pronta un'interrogazione parlamentare

Next Article

Commissione Europea: borse di studio da 2.400 euro per formare giovani interpreti

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.