Commissione Europea: 1.400 tirocini retribuiti con 1.000 euro al mese

WCENTER 0XMKBCPMJM epa03430299 EU flags wave outside the EU Commission headquarters in Brussels, Belgium, 12 Ocotober 2012. The European Union was awarded the Nobel Peace Prize 2012 earlier the same day. The EU and its forerunners have for ‘over six decades contributed to the advancement of peace and reconciliation, democracy and human rights in Europe,’ the Norwegian Nobel Committee citation said 12 October. European Council President Herman van Rompuy said that the Nobel Peace Prize was a recognition of the EU’s work as a peacemaker in Europe. EPA/OLIVIER HOSLET

Straordinaria opportunità presso la Commissione Europea: l’organismo internazionale mette a disposizione 1.400 tirocini retribuiti con borse da 1.000 euro ciascuna e la copertura delle spese di viaggio.
Gli stage hanno durata di 5 mesi e si possono svolgere in una delle sedi della Commissione Europea (Bruxelles, Lussemburgo, Dublino, Londra, Delegazioni e Rappresentanze).
Vari gli ambiti in cui verranno impiegati i tirocinanti, in particolare: organizzare incontri, gruppi di lavoro, forum e audizioni pubbliche, ricercare e compilare documenti, rapporti, consultazioni, rispondere alle richieste e aiutare nei progetti in corso.
Due i periodi in cui vengono ripartiti i tirocini retribuiti: a partire dal 1° marzo, con candidature tra luglio e agosto, per i primi 700 stagisti; a partire dal 1° ottobre, con candidature a gennaio, per i secondi 700.
Requisiti per partecipare alle selezioni sono: essere cittadini di un Paese membro dell’Unione Europea (un certo numero di tirocinanti possono provenire anche da Paesi terzi); avere una laurea almeno di primo livello (laurea triennale) in qualsiasi disciplina; non aver già portato a termine un tirocinio presso un’altra istituzione o organismo UE; non essere o essere stati dipendenti di una istituzione o un organismo europeo. Ai candidati degli Stati membri dell’UE si richiede una buona conoscenza di almeno due lingue comunitarie, una delle quali deve essere una delle lingue di lavoro della Commissione europea, ovvero inglese, francese o tedesco; i candidati provenienti da Paesi terzi devono conoscere bene almeno una delle lingue di lavoro della Commissione europea.
Le borse prevedono la copertura delle spese di viaggio e di assicurazione, oltre a un rimborso mensile di 1.000 euro.
Livello di formazione; competenze linguistiche; eventuale esperienza di lavoro; esperienze all’estero; motivazione; competenze informatiche, capacità organizzative, pubblicazioni sono i criteri con cui verrà fatta una preselezione delle candidature. In seguito verrà stilata una banca dati da cui l’ufficio reclutamento contatterà i candidati più idonei per i singoli profili richiesti.
Entro il 31 agosto 2015 sarà possibile inviare la propria candidatura per svolgere un tirocinio che si svolgerà tra marzo e luglio 2016. Per maggiori informazioni e per proporre la vostra candidatura consultate la pagina delle opportunità sul sito del Traineeships Office della Commissione Europea. A questo link, invece, trovate il regolamento generale dei tirocini presso le istituzioni europee.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il lavoro dei sogni? In Polonia cercano 50 tester di videogiochi italiani

Next Article

Le foto di Plutone? Merito di una scienziata italiana

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.