Classifica atenei, "ripescata" Unifi

L’Università di Firenze rientra tra gli atenei a cui andrà la ripartizione della quota del 7% del Fondo di finanziamento ordinario (Ffo), distribuita sulla base dei risultati in termini di didattica e di ricerca. La conferma, secondo una nota dell’ateneo, viene dai dati comunicati dal Ministero dell’Università agli stessi atenei, attraverso una procedura informatica.
Secondo le cifre provvisorie, dunque, l’ateneo fiorentino potrebbe ricevere circa 3 milioni di euro in più rispetto al Ffo 2008, proprio grazie alla ripartizione della quota assegnata in base alla valutazione della qualità della ricerca e dell’offerta formativa.
«Questi dati, sia pure nell’attuale forma provvisoria, confermano quello che abbiamo sostenuto – ha detto il rettore Augusto Marinelli – cioè che l’Università di Firenze non solo non è stata esclusa dalla ripartizione del finanziamento, ma che, anzi, otterrà probabilmente un incremento premiale».
«Naturalmente siamo consapevoli che tale finanziamento potrà avvenire solo nel rispetto dei limiti di legge del 90% relativo alle spese per il personale sul totale del Ffo: obiettivo che l’ateneo fiorentino è impegnato fortemente a mantenere».
Tra l’altro Marinelli nella giornata di ieri ha incontrato il ministro Mariastella Gelmini e a lei ha illustrato «l’evoluzione della situazione finanziaria e strutturale». In una nota dell’Ateneo si spiega che «il ministro ha espresso apprezzamento per le azioni intraprese e per i risultati complessivamente ottenuti dall’Università di Firenze».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

400 posti in tutta Italia con PWC

Next Article

Univaq: arrivano gli incentivi

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.