Cittadinanza: botta e risposta tra Maroni ed una studentessa colombiana

Schermata 2013-04-30 a 12.49.21

Botta e risposta tra Roberto Maroni e una giovane colombiana sulla cittadinanza italiana. Il siparietto e’ andato in scena a Milano durante il congresso regionale della Cisl. Sul palco e’ salita Diana Mercado Paez, 19 anni, nata a Monza da genitori colombiani, da sempre residente in Italia ma priva della cittadinanza italiana.

”Sono fiera di essere un’italiana di colore”, ha detto la giovane rivolta al leader della Lega Nord, partito che piu’ di ogni altro ha alzato le barricate contro il neo ministro dell’Integrazione Cecile Kyenge e soprattutto contro il suo proposito di superare la legge Bossi-Fini e di introdurre lo ius soli.

”Mi ritengo una cittadina italiana, sono nata in Italia e ho sempre studiato in Italia, ora frequento l’ultimo anno di liceo scientifico”, ha aggiunto Diana precisando di aver nutrito invidia nei confronti dei suoi compagni di scuola che per la prima volta si sono recati alle urne il 25 e 26 febbraio.

”Farei di tutto per andare a votare. Non mi piace non essere italiana, penso sia ingiusto non avere la cittadinanza italiana dopo una vita passata qui in Italia”. E’ seguito uno scambio di battute con Maroni che poi ai giornalisti si e’ limitato a dire: ”Da Ministro dell’Interno ho snellito la procedura: ora basta un mese e non piu’ 5 anni per la cittadinanza”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

San Raffaele, continua la protesta di studenti e professori

Next Article

Milano, nel 2013 aperte 27 nuove imprese al giorno

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"