Cinefili, occasioni in Kodak

Schermata 2013-04-30 a 11.29.04

Borse di studio e sovvenzioni per lo Student Scholarship Award e lo Student Cinematography Scholarship Award

Appello a tutti gli amanti del cinema: orecchie ben aperte e vecchi cortometraggi da tirare fuori perché questo potrebbe essere il momento giusto.

Il nome Kodak vi dice qualcosa? In molti ricorderanno le celebri macchine fotografiche, i tempi si sono evoluti e allora l’azienda ha dirottato la proprio attenzione sull’universo digitale.

Ci sono due bandi da non perdere assolutamente: il Kodak Student Scholarship Award e il Kodak Student Cinematography Scholarship Award.

Possono partecipare laureandi o laureati in cinematografia di 46 nazioni del mondo. È necessario essere studenti o laureati in Cinematografia o comunque avere in procinto l’iscrizione ad un corso di studi analogo. Per vincere il contest bisognerà presentare un filmato da inviare alla Commissione (insieme alla compilazione del modulo di candidatura) entro il 17 maggio.

I premi assegnati prevedono importanti borse di studio e sovvenzioni Kodak.

Per conoscere l’importo dei premi e nello specifico leggere i bandi entrate su questa pagina:

https://motion.kodak.com/motion/Education/Scholarships/index.htm?CID=go&idhbx=scholarships

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Taranto, la piazza rivendica i diritti dei lavoratori

Next Article

Gli rubano il pc con la tesi, studente scrive al ladro: "Ti prego restituiscimela"

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.