Chirugia estetica low cost? Gli sconti li fa l’Università

Anziché offrire sconti per viaggi o attività culturali, l’università del Lancashire ha lanciato una singolare iniziativa: ai suoi studenti sarà applicato uno sconto per gli interventi di chirurgia estetica.
La Central Lancashire (UCLan) si è trovata così a nell’occhio del ciclone, sia per l’annuncio in sé sia perché i trattamenti saranno eseguiti da dottorandi che già lavorano presso l’università e gli interventi verrano effettuati nella clinica universitaria.
Molti studenti hanno accolto con favore l’iniziativa ma altri l’hanno duramente contestata, a cominciare da Faye Grima, studentessa di giornalismo della UCLan, che ha scritto un post per l’Huffington Post in cui descrive l’iniziativa come un «esperimento altamente degradante e materialista».
Un’altra studentessa ha dichiarato: «I trattamenti di Botox e simili incarnano sempre crescente fanatismo e spesso portano le persone che ne fanno utilizzo a sviluppare una vera e propria dipendenza da chirurgia estetica».
 
Chiara Cecchini
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La carriera comincia in filiale

Next Article

Perchè in questi tempi amari possono crescere frutti dolci

Related Posts
Leggi di più

Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

"La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta", parole della ministra Cristina Messa