Chi è alto è anche più intelligente. Uno studio spiega perché

alto è intelligente

Alto e intelligente Il fatto che le persone piu’ alte tendano a essere un po’ piu’ intelligenti della media e’ dovuto in parti quasi uguali a due fenomeni: gli stessi geni influenzano sia la statura che l’essere ‘smart’, inoltre gli ‘spilungoni’ hanno maggiori probabilita’ di scegliere come partner persone piu’ intelligenti (e viceversa). E’ la teoria sostenuta da uno studio condotto dalla University of Colorado Boulder, che non ha rilevato fattori ambientali in grado di influenzare il collegamento tra essere piu’ alti e piu’ intelligente, come riporta la rivista ‘Plos Genetics’. Una modesta correlazione tra altezza e quoziente intellettivo e’ stata documentata in alcuni studi che risalgono al 1970. Ma le ragioni del rapporto tra queste caratteristiche non sono mai state ben comprese. La tecnica sviluppata dai ricercatori della Cu-Boulder per chiarire la questione ha consentito agli scienziati di approfondire meglio il fenomeno: hanno preso in considerazione i dati su gemelli fraterni, gemelli identici e, soprattutto, i loro genitori. Se una caratteristica presente in un gemello lo e’ anche in un altro, indipendentemente dal fatto che siano fraterni o identici, il tratto e’ probabilmente causato da condizioni ambientali. Al contrario, se una caratteristica si trova in entrambi i gemelli identici, ma solo in un componente di una coppia di gemelli fraterni, e’ probabile che sia ereditaria, dal momento che i gemelli identici hanno lo stesso corredo genetico, ma quelli fraterni no

Studi di questo genere posso essere eseguiti anche su tratti che sembrano collegati, come l’altezza e l’intelligenza. Ma mentre la scienza puo’ determinare che una coppia di caratteristiche viene trasmessa geneticamente, non puo’ confermare se gli stessi geni influenzano entrambi i tratti, un fenomeno chiamato pleiotropia, o spiegare perche’ le persone che hanno queste caratteristiche si accoppiano tra loro, tendenza detta ‘accoppiamento assortativo’. Gli esperti hanno risolto il problema includendo i genitori dei gemelli nello studio. Il team di ricerca ha raccolto i dati di 7.905 soggetti – compresi i gemelli e i loro genitori – dal Twin Registry Colorado e dal Queensland Twin Registry in Australia. Scoprendo che la correlazione tra altezza e Qi non e’ influenzata dalle condizioni ambientali. Il team di ricerca ha infine dimostrato che pleiotropia e accoppiamento assortativo sono ugualmente responsabili della connessione genetica tra altezza e quoziente intellettivo. “Sembra che ci siano geni che influenzano entrambi questi tratti. Allo stesso tempo, sembra che le persone alte tendono a scegliere partner piu’ ‘smart’ e viceversa. Queste scelte portano i geni del Qi e dell’altezza a essere statisticamente associati l’uno con l’altro. Ci sono molte eccezioni, certo, ma la relazione statistica e’ piu’ comune di quanto si pensasse”, dichiarano gli autori.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

5.000 giovani manager italiani emigrati all'estero

Next Article

La proposta: intitolare una piazza ai ricercatori universitari

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"