La proposta: intitolare una piazza ai ricercatori universitari

via ricercatori universitari

Ricercatori universitari – L’idea è stata promossa dal mensile Focus, per dare un riconoscimento simbolico alle migliaia di studiosi italiani. Parma, Siena e Pavia hanno già aderito al progetto

 

Intitolare una strada, una via o una piazza ai ricercatori universitari. La proposta è stata lanciata nel numero di agosto del mensile Focus, da sempre attento alla condizione della ricerca in Italia.

Generalmente le strade delle nostre città vengono intitolate a grandi personaggi che hanno contribuito alla crescita del paese; perché allora non dedicarne una alle migliaia di ragazzi e ragazze che lavorano nelle università, coloro che il mensile definisce “la categoria più trascurata di giovani dai quali dipende il nostro futuro”?

“Pensiamo che anche in un momento di crisi economica come questo – ha dichiarato la direttrice della rivista, Francesca Folda – anzi a maggior ragione adesso, sia necessario sostenere in ogni modo chi studia e lavora per proporre soluzioni innovative e per rimettere l’Italia al centro della crescita”.

Non una semplice provocazione, visto che Focus ha già contattato alcuni piccoli centri disposti a dedicare una delle loro piazze ai ricercatori italiani.

Ad accogliere la proposta sono state in primis Pavia, Siena e Parma, che hanno preso l’impegno di inaugurare una via, una piazza o un parco ai giovani studiosi che con mille difficoltà e pochi riconoscimenti preparano, nel campo della tecnologia, della medicina, della scienza, il mondo di domani.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Chi è alto è anche più intelligente. Uno studio spiega perché

Next Article

Vuoi diventare un autore di Web series? Internet Festival 2013 ha il contest che fa per te

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.