Cerimonia per il nuovo polo della Sapienza

La prima università di Roma ha fissato per il 23 maggio la giornata di presentazione al pubblico delle nuove strutture del Centro polifunzionale dell’area Castro Laurenziano, recentemente riabilitata proprio grazie a un progetto targato Sapienza.
Alla presenza del Rettore Luigi Frati saranno introdotte al pubblico anche la sala interna dell’edificio resa disponibile grazie a un accurato restauro di un manufatto militare presente sull’area, che sarà dedicata a Ranuccio Bianchi Bandinelli, docente della Sapienza e uno dei padri dell’archeologia italiana ed il giardino.
La sala Bianchi Bandinelli sarà utilizzata per le attività didattiche e scientifiche della Sapienza, nonché per convegni e seminari promossi dal Municipio, in base ad un accordo tra le due istituzioni.
Proprio il giardino esterno costituisce il cuore verde del progetto: aperto anche agli abitanti del quartiere sarà messo a disposizione, inoltre, delle iniziative sociali e culturali del III Municipio.
La cerimonia per il Castro Laurenziano si svolgerà dalle ore 11, in via Scarpa, e vedrà la partecipazione, oltre che del rettore, anche del direttore amministrativo Carlo Musto D’Amore e del presidente del III Municipio Dario Marcucci.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Valore legale, riprende il dibattito

Next Article

A Catania la chiamano "prassi"

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".