Carrozza: “Difenderò il DL sulla scuola con le unghie e con i denti”

Carrozza

Ora che il decreto legge sulla scuola e’ approdato alla Camera, il ministro dell’Istruzione, universita’ e ricerca, Maria Chiara Carrozza, si dice pronta a difendere ”con le unghie e con i denti” il disegno di legge necessario alla conversione in legge del provvedimento.

”Nel decreto legge sulla scuola, approdato all Camera, ci sono novita’ importanti. E’ il primo decreto che porta attenzione e finanziamenti alla scuola”, ha detto Carrozza intervenuta a ‘Prima di tutto’, su Radio 1 Rai. ”E’ stata un battaglia – ha aggiunto il ministro – e’ successo di tutto, con problemi sulle coperture, ce lo siamo guadagnati minuto per minuto e faro’ di tutto per convertirlo in legge, ma non sara’ facile. I tempi – come scrive l’agenzia Asca -, non sono ampi, il ddl scadra’ l’11 novembre ma lo difendero’ con le unghie e con i denti, e’ un segnale che le scuola aspettava da anni”, ha concluso la titolare del Miur.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Droga a scuola - Preparavano le dosi nella mensa dell'istituto: arrestati

Next Article

Disoccupazione in Italia, è ancora record: il 40 % dei giovani è senza lavoro

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.