Calcio ateneo Erasmus capolista

Da semplice outsider a protagonista per l’Erasmus il passo è stato breve. Anzi, brevissimo. Alzi la mano chi, appena due mesi fa, avrebbe immaginato di vedere in testa al Campionato di calcio maschile delle università di Roma, a questo punto della stagione, una squadra che non fosse la Cattolica campione in carica, il Foro Italico vincitore nel 2007 e finalista nel 2008, o Roma Tre, che quest’anno punta senza nascondere le sue ambizioni ad alzare quella coppa che ancora manca in bacheca.
Eppure, sovvertendo ogni pronostico, i ragazzi dell’Erasmus oggi si ritrovano, con pieno merito va sottolineato, davanti a tutti in classifica. Dopo un pareggio senza reti nell’esordio contro la Link Malta, gli studenti coordinati da Diana Valcarce (responsabile sport dell’Associazione Esn), hanno indovinato una striscia di 5 vittorie consecutive, con la più significativa ottenuta la settimana scorsa, proprio ai danni del Foro Italico: l’1-5 con cui hanno sbancato il campo dei favoriti testimonia lo straordinario momento di forma.
Primo posto, zero sconfitte, miglior differenza reti, difesa meno perforata: i numeri sono tutti dalla parte degli stranieri. Sorprese negative, invece, Tor Vergata e Aur (ancora senza punti). Nel Campionato di calcio a 5 femminile i titoli sono tutti per Roma Tre che, a suon di reti e vittorie, è in cima alla classifica. Al giro di boa il quintetto di Cinzia Carbonara, campione nella passata stagione, si conferma quindi la squadra da battere.
Tanto più che nello scontro diretto contro l’unica rivale che finora ha mostrato una certa solidità e concretezza, la Luiss, ha portato a casa i tre punti senza troppi problemi. Le altre si sfidano per la piazza d’onore: altalenante il cammino di Jcu e Campus Bio-Medico, a metà graduatoria; sotto tono le prestazioni dell’Aur e dell’esordiente Lumsa, ancora ultime.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti fuori Onda alla ricerca del sapere

Next Article

L’improcessabilità del potere

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.