Bussetti al Corriere: "Scuola non ha bisogno di altre riforme"

C’è chi sperava che il Governo giallo-verde abbattesse la “Buona scuola” renziana, ma il nuovo  Ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, ha dichiarato in un’intervista al Corriere della Sera che non stravolgerà la legge 107. Non risponderà ad una riforma con una nuova riforma, ma agirà in maniera diversa.

Durante un’intervista al Corriere delinea il progetto “Approfitterò dell’estate per fare il punto sulle novità della legge 107 e dei suoi decreti. Sull’alternanza le scuole hanno dato un’ottima risposta. Ci sono tuttavia criticità” e ancora
“Prima di intervenire, vogliamo ascoltare i soggetti coinvolti. La scuola non ha bisogno di altri sussulti o di ulteriori riforme e strappi. Le modifiche che introdurremo saranno condivise”
Ricordiamo che i decreti scaturiti dalla legge 107 sono numerosi, dai nuovi istituti professionali, alla riforma 0 -6, al nuovo Esame di Stato, al nuovo modello di reclutamento degli insegnanti, con due concorsi (quello per docenti con tre anni di servizio e quello per laureati con 24 CFU) molto attesi.

 Il predecessore di Bussetti, l’ex Ministro Fedeli, aveva assicurato ad esempio che le novità dell’Esame di Stato 2018/19 sarebbero state comunicate già a settembre, perché è importante per gli studenti vivere l’anno scolastico con la certezza di ciò che si sta facendo.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità dei Vip - Giuseppe Di Iorio: "Passione per la cucina? Ecco come diventare uno Chef stellato"

Next Article

Maturità dei Vip - Roberto Marchesi: LO SPORT? Ormai è la mia vita

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident