Botteghe di Mestiere, quasi 1.000 tirocini attivi in tutta Italia

Quasi mille tirocini attivati grazie al progetto Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione di Italia Lavoro. Si parte con i tirocini per gli studenti: al bando hanno risposto oltre 5.000 aziende, pronte a ospitare 8.000 candidati. I tirocini hanno l’obiettivo di insegnare una professione e aiutare i ragazzi a specializzarsi in diversi settori, nello specifico quelli legali al Made in Italy. Vi potranno accedere i giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni compiuti.
“Questo primo passo dimostra la validità dell’azione di politica del lavoro, volta a sostenere le imprese nella ricerca e formazione di manodopera specializzata per le proprie produzioni e sottolinea quale effetto moltiplicatore possano avere le botteghe di mestiere sul fronte occupazionale”, ha sottolineato Paolo Reboani, presidente e amministratore delegato di Italia Lavoro.
Oltre il 50 % delle proposte nelle Botteghe, arriva da agroalimentare, enogastronomia e ristorazione, il 14 %, invece, arriva dal sistema della GDO, l’11 % dalla meccanica e il 10 % dall’abbigliamento, moda e calzature. La borsa mensile per il tirocinio è di 500 euro per l’intero percorso. “La volontà è soprattutto valorizzare il lavoro di alta qualifica sviluppato in settori particolari – conclude Reboani – specie nei distretti più caratteristici del Made in Italy, e sopperire alla mancanza di alcune professionalità che si riscontra in diverse Regioni”.
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Al Politecnico di Torino chi è fuoricorso da due anni verrà "espulso"

Next Article

Giannini firma nuovo ISEE. Gli studenti: "Vittoria, ma non basta"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.