Al Politecnico di Torino chi è fuoricorso da due anni verrà "espulso"

Per qualcuno è una stangata, per altri “era il momento di intervenire”. Cambiano le regole sugli studenti fuoricorso al Politecnico di Torino. L’Ateneo ha deciso infatti di avviare una stretta già a partire dal secondo per tutti gli studenti che sono in ritardo con gli esami: chi, dopo 2 anni, non ha ancora finito gli esami del primo semestre sarà escluso. E dovrà, quindi, ripartire insieme ai maturandi nelle selezioni per l’accesso con il test.
La novità è stata introdotta dal regolamento degli studenti, approvato negli ultimi giorni. Al Politecnico non erano presenti limiti ai fuoricorso fino a questo momento, ma solo restrizioni di vario genere. Dal prossimo anno accademico cambieranno le regole: chi si iscrive ha “solo” due anni di tempo per completare almeno gli esami del primo semestre. La misura, comunque, non è retroattiva: chi è già iscritto, quindi, può tirare un respiro di sollievo.
Quello dei fuoricorso, comunque, è un problema che riguarda diversi atenei italiani. Alcuni hanno deciso di aumentare le tasse per i “ritardatari”, altri – come il Politecnico – hanno usato la mano pesante. Il tasso dei fuoricorso, proprio a Torino, oscilla tra il 30 e il 40 %. Sarebbero centinaia, se non migliaia, quindi, gli studenti coinvolti nelle nuove regole.
“Che senso ha restare parcheggiati qui per tanto tempo? – si chiede su La Stampa il rettore Marco Gilli -. Con queste nuove misure gli studenti capiscono se è una strada che fa per loro oppure no».
 

Total
0
Shares
2 comments
  1. non mi fate laureare anche se per gravi motivi mi sono attardata? visto che contano solo i soldi e l’essere umano è ZERO vi faccio causa e rivoglio tutte le tasse pagate indietro con i relativi interessi. in questo paese di m sanno schiacciare solo quelli che non contano nulla

Lascia un commento
Previous Article

CRUI: i 10 punti in discussione per "Una nuova primavera delle Università italiane"

Next Article

Botteghe di Mestiere, quasi 1.000 tirocini attivi in tutta Italia

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.