Bottega Finzioni,18 borse per formarsi con Carlo Lucarelli

La scuola di narrazione di Carlo Lucarelli ha presentato i corsi per il 2013. Le iscrizioni sono partite il 2 ottobre e finiscono il 30 novembre. Per 18 allievi sono previste borse di studio a copertura totale.

Una fucina delle idee, dove la narrazione, la scrittura e la sceneggiatura diventano mestiere. E’ la  Bottega Finzioni fondata a Bologna nel 2011 da Carlo Lucarelli, Giampiero Rigosi, Michele Cogo e Beatrice Renzi. Anche quest’anno la scuola è pronta a scegliere i botteganti del 2013, con una novità in più: 18 borse di studio che andranno a coprire il 100% dell’iscrizione.

Le iscrizioni sono partite il 2 ottobre e resteranno aperte fino al 30 novembre 2012. La possibilità che viene offerta ad ogni ragazzo è quella di lavorare gomito a gomito con scrittori e sceneggiatori e misurare il proprio talento su materiale vivo, su progetti in produzione o in fase di sviluppo. E magari firmare il soggetto di un Dylan. Il primo anno di corso, infatti, ha registrato un grande successo, portando alla stesura di un soggetto per Dylan Dog che sarà pubblicato nel 2013 e firmato dagli allievi della Bottega.

Il terzo anno della Bottega vedrà inoltre nascere l’area di Produzioni per Ragazzi, che va ad aggiungersi alle altre cinque: Fiction, Non fiction, Letteratura, Fumetto e Videogame. Le lezioni avranno inizio il 14 gennaio 2013 e termineranno il 13 dicembre 2013, con una pausa estiva dal 15 giugno al 15 settembre.

Tutte le informazioni sulle modalità di iscrizione e sulle selezioni si possono trovare sul sito  www.bottegafinzioni.it.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Winnsboro: è giallo. Niente Ku Klux Klan, la donna si sarebbe data fuoco da sola

Next Article

Un anno dopo, lo sport ricorda Simoncelli

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.