Borse di studio per Fisica

Tre borse di studio triennali, dell’importo annuale di 4.000 euro ciascuna, destinate a studenti che rispondano a specifici requisiti di merito per il corso di Fisica all’Università dell’Insubria.

Buone notizie per le matricole del Corso di Laurea Triennale in Fisica dell’Università dell’Insubria: la Fondazione Valcavi per l’Università dell’Insubria mette a disposizione tre borse di studio triennali, dell’importo annuale di 4.000 euro ciascuna, destinate a studenti che rispondano a specifici requisiti di merito.

In particolare, si legge nel bando, la selezione è rivolta a studenti residenti fuori dalla provincia di Como e che si immatricolino per la prima volta al Corso di Laurea triennale in Fisica dell’Università degli Studi dell’Insubria.

Per partecipare alla selezione gli studenti devono inoltre: aver conseguito alla maturità una votazione minima di 85/100 o 51/60; ottenere entro la sessione invernale degli esami di profitto (28 febbraio 2012) almeno 5 Crediti formativi universitari e risiedere fuori dalla provincia di Como.

La domanda di partecipazione al concorso dovrà essere presentata entro il 30 settembre 2011 utilizzando l’apposito modulo disponibile presso l’Ufficio Diritto allo Studio e scaricabile on line alla pagina www.uninsubria.it/web/dirittoallostudio.

La graduatoria di merito sarà pubblicata sul sito di Ateneo, alla pagina www.uninsubria.it/web/dirittoallostudio

Inoltre, a partire dall’anno accademico 2012/13, gli studenti beneficiari della prima annualità della borsa potranno presentare domanda di mantenimento purché abbiano acquisito almeno l’80% dei crediti previsti dal piano di studio per l’anno accademico precedente a quello di iscrizione (arrotondato per difetto) e abbiano conseguito una votazione media ponderata negli esami di profitto di almeno 26/30.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La città di Firenze premia i giovani ricercatori

Next Article

Photoaid. Per inventare ogni giorno la speranza

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.