Borse di studio dedicate agli italiani per studiare il polacco all'Università di Varsavia

Il Governo Polacco offre ai cittadini italiani (laureandi o laureati in qualsiasi disciplina, in particolare in lingua e letteratura polacca e slavistica, ed artisti diplomati) borse di studio estive, invernali e annuali.
Anche per il 2016 sono confermate le borse di studio sponsorizzate dal Governo polacco, dal Ministero degli Affari Esteri e dall’Università di Varsavia dedicate esclusivamente a studenti italiani: 15 il numero delle borse che potranno essere utilizzate nel periodo compreso tra gennaio e febbraio 2016.
Requisito indispensabile per partecipare è essere studenti di lingua e letteratura polacca e di slavistica con minima conoscenza della lingua polacca.
Le borse coprono i costi del corso di lingua e di vitto e allogio presso strutture universitarie. I costi di viaggio sono a carico dei borsisti. E’ necessario munirsi di tessera sanitaria europea prima della partenza per la Polonia.
Per partecipare alla selezione occorre inviare oltre al modulo italiano online richiesto dal Ministero degli Affari Esteri italiano, i candidati alle borse di studio offerte dalla Polonia devono inviare all’Istituto Polacco di Roma – entro la data di scadenza della domanda – il modulo emesso dalle Autorità polacche compilato in tutte le sue parti e firmato in fotocopia digitale (lo scan). Il modulo sarà reperibile sul sito www.esteri.it sotto la rubrica “Aggiornamenti e integrazioni” nonchè su quello dell’Istituto Polacco di Roma.
I candidati per le borse di studio per i corsi invernali devono allegare al modulo una lettera di raccomandazione rilasciata da un loro professore di lingua polacca nonchè copie dei certificati/diplomi oppure un elenco dei voti.
Maggiori informazioni sono reperibile sull’Istituto di cultura polacco. A questo link, invece, potete scaricare il bando per le borse di lingua polacca.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di mercoledì 11 novembre

Next Article

Italiani, popolo di "bamboccioni": 2 su 3 vivono a casa con i genitori

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.