Borsa di studio per studenti cinesi o indiani

La “Fondazione Alfredo Aristide Cagnoli”, presso l’Ordine dei Dottori Commercialisti di Milano, ha indetto un Concorso per una borsa di studio dell’importo annuale di 5.000 euro; la borsa è riservata ad uno studente di nazionalità cinese o indiana, di età compresa tra i 20 e i 30 anni, che intenda seguire gli studi presso Università italiane nell’a.a. 2008-2009 e successivi.
La borsa di studio avrà una durata massima di quattro anni. Oltre ai predetti requisiti di nazionalità, ai candidati è richiesto di essere in possesso di titolo di studio conseguito in qualsiasi Paese europeo o nel Paese origine, e che in quest’ultimo sia ritenuto valido per l’accesso all’Università; di dimostrare di avere risieduto per almeno un anno in Italia e di impegnarsi a soggiornarvi durante il periodo di godimento della borsa; infine i candidati dovranno presentare un’opera di studio avente per oggetto a scelta la Storia dell’Arte, la Storia, la Geografia, il Diritto e l’Economia dell’Italia.
Le domande devono essere presentate entro il 15 settembre 2008 al Consiglio d’Amministrazione della Fondazione Aristide Cagnoli, Corso Europa 11, 20122 Milano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Macerata, oltre gli studi accademici

Next Article

Guida alla scelta della facoltà Dams

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.