Borsa di studio per studenti cinesi o indiani

La “Fondazione Alfredo Aristide Cagnoli”, presso l’Ordine dei Dottori Commercialisti di Milano, ha indetto un Concorso per una borsa di studio dell’importo annuale di 5.000 euro; la borsa è riservata ad uno studente di nazionalità cinese o indiana, di età compresa tra i 20 e i 30 anni, che intenda seguire gli studi presso Università italiane nell’a.a. 2008-2009 e successivi.
La borsa di studio avrà una durata massima di quattro anni. Oltre ai predetti requisiti di nazionalità, ai candidati è richiesto di essere in possesso di titolo di studio conseguito in qualsiasi Paese europeo o nel Paese origine, e che in quest’ultimo sia ritenuto valido per l’accesso all’Università; di dimostrare di avere risieduto per almeno un anno in Italia e di impegnarsi a soggiornarvi durante il periodo di godimento della borsa; infine i candidati dovranno presentare un’opera di studio avente per oggetto a scelta la Storia dell’Arte, la Storia, la Geografia, il Diritto e l’Economia dell’Italia.
Le domande devono essere presentate entro il 15 settembre 2008 al Consiglio d’Amministrazione della Fondazione Aristide Cagnoli, Corso Europa 11, 20122 Milano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Macerata, oltre gli studi accademici

Next Article

Guida alla scelta della facoltà Dams

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.