Borsa di studio per pugliesi cinefili

L’Apulia Film Commission sostiene una borsa di studio per il master universitario per “Analisti di produzione cinematografica e televisiva”, organizzato dalla Scuola Statale di Amministrazione Aziendale dell’Università degli Studi di Torino.
Il valore della borsa di studio ammonta a 8.000 euro ed è destinata a un giovane residente in Puglia che abbia la passione per gli audiovisivi. Il premio sarà erogato – a parità di merito – al candidato il cui reddito familiare risulterà il più basso.
I corsi del master, della durata di un anno a tempo pieno, inizieranno a metà marzo, mentre a selezionare i candidati sarà una commissione esaminatrice composta da almeno tre membri designati dal Comitato scientifico del corso di Master.
Il Master si pone l’obiettivo di fornire ai giovani neolaureati in discipline umanistiche, economiche, giuridiche e tecniche, una preparazione di carattere interdisciplinare che, supportata da un significativo periodo di stage, li formi a operare con competenza e flessibilità nei settori della produzione cinematografica e audiovisiva per ricoprire ruoli anche diversi a seconda del background e degli interessi dei partecipanti.
Il termine ultimo per la presentazione della domanda di borsa di studio è fissato al 27 febbraio 2009 (per iscrizioni e informazioni collegarsi al sito https://www.unito.it/saa/area-m_cinema.htm).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Verso l'8 marzo studi in rosa a Roma Tre

Next Article

Settimana corta, il nuovo “must” dell’Europa

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.