Bolzano, quindicenne violentata mentre tornava da scuola: due sospettati rilasciati

Mentre tornava da scuola in biciletta è stata violentata. E’ accaduto a Bolzano, lungo la passeggiata del fiume Isarco, nei pressi dello stadio; la vittima è una studentessa di quindici anni.
Secondo quanto raccontato agli agenti sarebbe stata spintonata tra i cespugli, aggredita e violentata sotto la pista ciclabile in una zona centrale della città, a due passi dalla questura. La giovane è stata soccorsa da alcuni passanti che avrebbero sentito le richieste di aiuto provenire dai cespugli lungo il fiume.
Secondo la testimonianza ad aggredirla sarebbero stati due ragazzi di origine africana: un uomo con i capelli rasta l’avrebbe colpita al volto, mentre l’altro l’avrebbe trascinata verso la sponda del fiume, dove sarebbe avvenuta la violenza. Gli agenti avrebbero isolato il dna dei due che sono ora ricercati. Gli uomini della squadra mobile coordinati dal dirigente Giuseppe Tricarico hanno fermato e rilasciato i due uomini sospettati della violenza sessuale. Gli investigatori non avrebbero avuto riscontri in merito al loro coinvolgimento. La procura di Bolzano mantiene massimo riserbo sul caso per tutelare la vittima minorenne e per non influenzare l’esito dell’inchiesta.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca Usa: "Mangiare troppi dolci spegne il gusto, rende insaziabili"

Next Article

Si suicida il giorno della laurea: aveva mentito ai genitori sugli esami dati

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.