Si suicida il giorno della laurea: aveva mentito ai genitori sugli esami dati

Ha mentito ai suoi genitori e non ha retto al peso di quelle bugie, per questo uno studente di 23 anni si suicida il giorno della sua laurea. Il drammatico evento è avvenuto a Southampton, nel Regno Unito, lo scorso 23 luglio, il giorno della cerimonia di laurea, in cui anche lui, Nicholas Turner, avrebbe dovuto ricevere il diploma.
I suoi genitori si stavano preparando per l’evento, ma alla cerimonia non sono mai andati. Nicholas Turner si è tolto la vita prima di ricevere un diploma che non avrebbe mai ricevuto quel giorno, perché in realtà non aveva sostenuto tutto gli esami dell’ultimo anno di studi. Nicholas non aveva avuto il coraggio di dire la verità ai suoi genitori e così li aveva invitati alla cerimonia del 23 luglio alla Southampton University. Il giorno prima, il ragazzo non aveva dato nessun segnale che potesse allarmare i genitori.
Anzi, i due avevano trascorso la giornata in giardino con lui. Mai avrebbero pensato che potesse compiere quel gesto estremo. Il papà di Nicholas ha riferito ai media che il giovane ha sofferto di depressione in passato. È successo l’anno scorso, quando il ragazzo era in pieno periodo di esami.
Il papà assicura, però, che Nicholas avesse superato quella fase: “Non mi è sembrato depresso”, ha riferito ai media. “Aveva seguito un corso piuttosto impegnativo nella sua facoltà, ma aveva sempre studiato e ottenuto ottimi risultati. O, per lo meno, sembrava così”, ha continuato il padre. Non aveva problemi di socialità, Nicholas, secondo quanto riferito dal padre: “Era popolare e benvoluto”, ha aggiunto ancora.
Il detective Brian Smith ha dichiarato che il corpo dello studente è stato trovato nel bagno al secondo piano dell’abitazione. A trovarlo un vicino di casa. Nonostante i tentativi di rianimarlo, i paramedici non hanno potuto far altro che constatare la morte del ragazzo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bolzano, quindicenne violentata mentre tornava da scuola: due sospettati rilasciati

Next Article

Dottorati, il 90,5% sarà espulso dell'università

Related Posts
Leggi di più

L’Università piace sempre di meno agli adolescenti italiani: dopo la maturità solo il 63% vuole continuare a studiare

Un'indagine dell'associazione no-profit Laboratorio Adolescenza e dell'Istituto di ricerca IARD su 5600 adolescenti della fascia di età 13-19 anni svela come la voglia di iscriversi ad un corso di laurea dopo il diploma è in discesa libera. Cresce invece il desiderio di partire per l'estero alla ricerca di nuove opportunità.