Si suicida il giorno della laurea: aveva mentito ai genitori sugli esami dati

Ha mentito ai suoi genitori e non ha retto al peso di quelle bugie, per questo uno studente di 23 anni si suicida il giorno della sua laurea. Il drammatico evento è avvenuto a Southampton, nel Regno Unito, lo scorso 23 luglio, il giorno della cerimonia di laurea, in cui anche lui, Nicholas Turner, avrebbe dovuto ricevere il diploma.
I suoi genitori si stavano preparando per l’evento, ma alla cerimonia non sono mai andati. Nicholas Turner si è tolto la vita prima di ricevere un diploma che non avrebbe mai ricevuto quel giorno, perché in realtà non aveva sostenuto tutto gli esami dell’ultimo anno di studi. Nicholas non aveva avuto il coraggio di dire la verità ai suoi genitori e così li aveva invitati alla cerimonia del 23 luglio alla Southampton University. Il giorno prima, il ragazzo non aveva dato nessun segnale che potesse allarmare i genitori.
Anzi, i due avevano trascorso la giornata in giardino con lui. Mai avrebbero pensato che potesse compiere quel gesto estremo. Il papà di Nicholas ha riferito ai media che il giovane ha sofferto di depressione in passato. È successo l’anno scorso, quando il ragazzo era in pieno periodo di esami.
Il papà assicura, però, che Nicholas avesse superato quella fase: “Non mi è sembrato depresso”, ha riferito ai media. “Aveva seguito un corso piuttosto impegnativo nella sua facoltà, ma aveva sempre studiato e ottenuto ottimi risultati. O, per lo meno, sembrava così”, ha continuato il padre. Non aveva problemi di socialità, Nicholas, secondo quanto riferito dal padre: “Era popolare e benvoluto”, ha aggiunto ancora.
Il detective Brian Smith ha dichiarato che il corpo dello studente è stato trovato nel bagno al secondo piano dell’abitazione. A trovarlo un vicino di casa. Nonostante i tentativi di rianimarlo, i paramedici non hanno potuto far altro che constatare la morte del ragazzo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bolzano, quindicenne violentata mentre tornava da scuola: due sospettati rilasciati

Next Article

Dottorati, il 90,5% sarà espulso dell'università

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".