Bicocca, al via la Scuola per i materiali dell'energia

Dal 14 al 19 settembre presso l’Università di Milano-Bicocca si svolgerà la Chemistry and Physics of Materials for Energetics, la prima scuola interamente dedicata ai materiali per le applicazioni energetiche.
L’evento è stato organizzato dal Network Europeo PCAM (Physics and Chemistry of Advanced Materials) ed è dedicato alle più importanti innovazioni e ricerche nel campo delle energie rinnovabili: dal fotovoltaico, ai materiali per il risparmio e il recupero energetico, alle problematiche connesse allo stoccaggio di energia.
L’iniziativa, rivolta agli studenti dei dottorati di ricerca e a giovani ricercatori che desiderino accedere a questo importante settore della Scienza dei Materiali, è anche un’occasione unica che riunisce, per la prima volta in Italia, dodici tra i maggiori studiosi e docenti internazionali di energia ricavata da fonti rinnovabili e di sistemi per l’immagazzinamento dell’energia.
La prima edizione della Scuola europea Chemistry and Physics of Materials for Energetics, realizzata anche grazie al contributo di Fondazione Cariplo, sta già facendo registrare numeri notevoli per questo tipo di scuole: oltre 190 iscritti provenienti da venticinque paesi e da più di sessanta aziende e istituzioni di ricerca. Oltre ottanta i lavori di ricerca che saranno presentati dai giovani studiosi partecipanti nel corso della settimana.
Tutte le attività della Scuola, che sarà inaugurata dal rettore Marcello Fontanesi presso l’Auditorium dell’Università in via Vizzola, si svolgeranno negli edifici U3 (Piazza della Scienza) e U9 (viale dell’Innovazione).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage per neolaureati, con obiettivo assunzione

Next Article

Borse da 300.000 euro per ricercatori determinati

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".