BergamoScienza: la divulgazione scientifica torna a Bergamo

BergamoScienza, il festival scientifico che ogni autunno trasforma Bergamo nel palcoscenico della scienza, chiamando le voci più rappresentative a livello mondiale, tra cui, a oggi, ben 31 Premi Nobel. 

Coinvolge un pubblico di tutte le età, in diciassette giorni di conferenze, laboratori, spettacoli e tour virtuali alla scoperta del mondo che cambia: 2.355.921 le presenze in 18 edizioni, realizzate grazie anche all’aiuto di 39.849 volontari e con 482 scuole protagoniste. 

Quest’anno, in attesa della manifestazione, l’Associazione ha replicato l’esperienza di successo dello scorso anno: un Pre Festival (dal 3 giugno al 30 settembre), con un fitto calendario di incontri in presenza – 12 date e 4 laboratori di robotica per bambini – e online, con 18 live streaming sui canali social del festival.

«Per due settimane ritorneremo ad animare la città con un’edizione che fa tesoro dell’esperienza dello scorso anno e combina sapientemente conferenze in presenza e contributi digitali, per raggiungere in tutto il mondo appassionati di scienza» dichiara Raffaella Ravasio, Presidente dell’Associazione BergamoScienza «Facciamo conoscenza è il motto del festival di quest’anno, ma è anche l’ispirazione che da quasi vent’anni ci guida nel seminare conoscenza, promuovendo una nuova cultura della divulgazione scientifica. Conoscenza perché solo conoscendo possiamo essere veramente liberi. Scienza perché nella scienza c’è il nostro futuro».

Total
20
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cercarsi dirigenti disperatamente: in Italia mille scuole ancora senza una guida

Next Article

Bianchi rottama i banchi a rotelle: "Sono una cartolina del passato"

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".