Benno Neumair, l’insegnante con il culto dei muscoli: le indagini a Bolzano

Benno Neumair, le indagini sul figlio della coppia scomparsa a Bolzano

Benno Neumair, le indagini sul figlio della coppia scomparsa a Bolzano

Il trentenne amante del fitness insegna matematica all’Istituto comprensivo von Aufschnaiter: è sospettato del duplice omicidio dei due genitori. Sotto l’etichetta “Forte” ha creato un sito web in cui spiega come “avere un corpo perfetto e performante, una Ferrari che va a 200 all’ora”. I Ris hanno passato al setaccio l’auto di famiglia, una Volvo

Sospettato di un crimine orrendo, aver ucciso i propri genitori e averne gettato i cadaveri nel fiume simulando per due settimane la loro scomparsa. Niente corpo di reato, niente accusa. Ma chi è Benno Neumair, il trentenne amante del fitness e insegnante in una scuola di lingua tedesca a Bolzano, la cui casa è stata sequestrata dalla Procura per permettere le analisi dei carabinieri del Ris e a cui è stata notificata un’informazione che gli comunica di essere indagato per duplice omicidio e soppressione di cadavere?

Benno ha tentato in tutti i modi di allontanare da sé i sospetti durante queste due settimane. Ha partecipato alle indagini. O meglio, i carabinieri lo hanno coinvolto, chiedendogli informazioni sui genitori e sui sentieri che frequentavano sul Renon, l’altopiano che sovrasta Bolzano. Eppure già avevano maturato i primi sospetti e hanno cercato di abbassarne le autodifese. Finora non ci sono riusciti, visto che l’uomo continua a dichiarare la propria estraneità alla scomparsa dei genitori.

Benno insegnava matematica all’Istituto comprensivo von Aufschnaiter, che comprende due elementari e due scuole medie tutte di lingua tedesca. Sul posto di lavoro c’erano state diverse lamentele da parte dei genitori e di colleghi. In particolare, in una occasione il trentenne avrebbe minacciato un’altra insegnante davanti alla classe e alcuni colleghi avrebbero testimoniato che spesso arrivava in ritardo. I carabinieri li stanno interrogando, per raccogliere più elementi possibili sulla sua personalità e sul suo rendimento professionale. Alcuni genitori dei ragazzi avevano firmato nei giorni scorsi una lettera con cui chiedevano di allontanarlo dall’insegnamento.

Ciò che colpisce di Benno è una tendenza narcisistica. Ha un vero culto del proprio corpo, si allena per migliorare la massa muscolare, ma probabilmente ha anche fatto ricorso ad anabolizzanti che potrebbero essere all’origine dei suoi problemi, con dipendenza da sostanze usate in palestra. Sotto l’etichetta “Forte” ha creato un sito web in cui spiega: “Assieme scopriremo come sviluppare la muscolatura, diminuire il tessuto adiposo (dimagrire), allenarsi effettivamente (allenamento), alimentarsi in modo corretto e sano (alimentazione), sentirsi bene nel proprio corpo e condurre una vita piena di emozioni e traguardi raggiunti”. E aggiunge: “Purtroppo al giorno d’oggi circolano molte informazioni errate e false in palestra e negli ambienti legati al fitness che conducono a dubbi ed incertezze. Ci impegneremo contro questo trend negativo di disinformazione, offrendo diverse competenze al pubblico interessato”. Il suo slogan: “Più sapere e meno incertezze, il nostro corpo e fisico ne valgono la pena. Vi insegno come avere un corpo perfetto e performante, una Ferrari che va a 200 all’ora”.

fattoquotidiano

Leggi anche:

Disparità di genere nelle università italiane: c’è ancora molto da fare

Iscrizioni online, oltre 1 milione di domande già inoltrate

https://corriereuniv.it/2021/01/accademia-di-belle-arti-sesso-durante-la-lezione-on-line-si-dimette-professore/
https://corriereuniv.it/2021/01/concorso-straordinario-pubblicate-le-nuove-date-delle-prove/
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ospedale veterinario Università di Teramo, alla scoperta di un’eccellenza italiana

Next Article

'I luoghi della democrazia': il viaggio virtuale di 250 studenti per conoscere le istituzioni

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.