"Be different!": borse di studio del valore di 4.500 euro per imparare l'inglese negli USA

“C’è niente di più monotono del dedicarsi sempre alle solite cose? L’essere fuori dai soliti cliché è quello che ti contraddistingue dagli altri, sopra ogni cosa”, questo il claim delle borse di studio “Be different!” promosse dall’associazione Eurocentres.
“La nostra ricerca è rivolta a tutti gli studenti che vantano personalità straordinarie e a quei ragazzi che sono in grado di motivare coloro che li circondano, anche al di fuori dell’ambiente universitario – scrivono gli esperti di Eurocentres – Le borse si rivolgono ad universitari iscritti a qualsiasi facoltà che hanno uno stile di vita fuori dagli schemi e che hanno vissuto o fatto cose straordinarie”.
Le borse coprono i costi per la frequenza di un corso di lingua di 4 settimane (20 ore a settimana) presso la sede Eurocentres di san Diego, California, del valore di 4 mila euro. Ai beneficiari delle borse, inoltre, verrà garantita sistemazione presso una famiglia già scelta; 500 euro per le commissioni quotidiane; trasporto da e per l’aeroporto; assicurazione straniera e il rimborso del biglietto aereo (andata e ritorno).
Il buono per la borsa di studio ha validità fino al 30 aprile 2017. Lo studente può prenotare il viaggio e pianificare il corso di lingua in maniera completamente autonoma.
Per partecipare alle selezioni, gli studenti “fuori dal comune” sono invitati a realizzare un breve video o a scrivere un testo da inviare in link nell’apposita application form. Per inviare le vostre candidature c’è tempo fino al 31 marzo 2016. Entro il 15 aprile, verranno decretati i 5 finalisti.
Maggiori informazioni sono disponibili alla pagina Eurocentres dedicata alle borse “Be different”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 11 febbraio

Next Article

Accordo Federazione nazionale stampa - Miur per progetti di cultura dell'informazione nelle scuole

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).