La battaglia per la geografia

geografia2

Nelle centotrentasei pagine de La Buona Scuola la parola geografia compare una volta sola, e non come materia. C’è chi, invece, continua la sua battaglia per riportarla negli istituti e nei licei di tutta Italia. “Vorremmo fare i nostri più sentiti complimenti al Presidente Renzi che, a parole , vuole imprimere una modernizzazione del Paese e poi nelle (ben) 136 pagine del Piano “ La buona scuola” , contrariamente alle altre discipline, non cita neanche una volta la Geografia. Di fatto Renzi (con il suo Ministro “fantasma” Giannini) prosegue il “riordino” della Gelmini.Vale a dire completo affossamento della materia e affidamento delle sempre più scarse cattedre, spesso, neanche agli insegnanti abilitati-specialisti”. Così Riccardo Canesi, professore di geografia porta avanti la sua battaglia per il ripristino della materia, anche grazie al sito internet www.sosgeografia.it

L’obiettivo è quello di raccogliere adesioni dal mondo politico e non, per riportare il tema della geografia all’attenzione di tutti. I risultati, però, sembrano essere deludenti: su 80 richieste inviate a senatori e deputati hanno risposto solamente in due.

“L’unico successo degli ultimi tempi risale all’epoca Carrozza – spiega Canesi al Corriere della Sera.Anche se il decreto istruzione integrava la geografia solo di un’ora al biennio negli istituti tecnici commerciali, si trattava comunque di un segnale di apertura. Adesso invece Giannini ci ignora completamente: non è stata neanche inviata la circolare agli uffici scolastici regionali per fare in modo che le ore di geografia siano effettivamente assegnate a professori con la qualifica specifica, ovvero abilitati nella classe di concorso 039, e non ad insegnanti di altre classi di concorso, come italiano e biologia, cosa che avviene molto spesso”.

Attualmente la geografia si insegna 3 ore a settimana nel biennio degli istituti tecnici commerciali e 2 ore a settimana nel triennio dei turistici. Negli industriali e negli istituti per geometri si insegna soltanto un’ora a settimana, al primo o secondo anno. Nei licei, invece, c’è la geostoria, tre ore a settimana, ma solo nel triennio. Alle primarie, così come alle medie, siamo soltanto ad un’ora a settimana.

“Siamo l’unico caso in Europa in cui non si parla di economia al liceo” – spiega Canesi.Ora, però, la parola spetta alla politica. In tanti sono in attesa di risposte.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Specializzazioni, pubblicate le graduatorie ufficiali. Ma la protesta non si ferma

Next Article

Università, è crollo di iscritti. Ma crescono gli studenti stranieri che arrivano in Italia

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".