BAROCCO E RICERCHE DIGITALI: LA FONDAZIONE 1563 SOSTIENE LE DIGITAL HUMANITIES

5 borse di Alti Studi sull’età e la cultura del Barocco

Fino al 31 Agosto 2020 studenti e ricercatori di ogni parte del mondo possono fare domanda per una delle cinque borse di Alti Studi  sul Barocco intitolate a Rosaria Cigliano promosse dalla Fondazione 1563.
Per l’edizione 2020 il focus sarà su ricerche che prevedano l’utilizzo di strumenti digitali: dalla progettazione alla presentazione dei risultati finali.
Ognuno dei 5 ricercatori selezionati riceverà una borsa di 23.000 € nonché il supporto di un tutor esperto e soggiorni presso università straniere.

Il bando è indirizzato a ricercatori nati dal 1° gennaio 1982, in possesso di dottorato, specializzazione o master di I e II livello (o attestati esteri equivalenti) conseguiti presso Università italiane o straniere. Le borse avranno una durata di un anno, con inizio il 01.01.2021 e fine il 31.12.2021.

Con questa ottava edizione la Fondazione 1563 ha erogato oltre un milione di Euro in totale a sostegno di progetti di ricerca sul Barocco coinvolgendo e sostenendo 37 giovani studiosi italiani e stranieri, 65 tutor e 120 tra insegnanti e ricercatori.
Le borse di alti studi rientrano nell’articolato programma di studi sull’età e la cultura del Barocco che è cuore dell’attività della Fondazione 1563 insieme alla gestione e valorizzazione dell’Archivio Storico della Compagnia di San Paolo.

APPROFONDIMENTI
(Qui il bando completo)
Il candidato dovrà presentare un progetto di ricerca che faccia tesoro di materiali anche già digitalizzati lavorando, in una angolatura nuova o affrontata in modo nuovo, su fondi di documenti, di fonti, di immagini e di raccolte di diversi generi, temi e tipologie, disponibili su supporto digitale o direttamente sul web o in alternativa, se già in possesso di materiali raccolti che possano andare a implementare o completare fondi già digitalizzati, dovrà presentare un progetto di ricerca su tali materiali e programmarne l’inserimento.

Il bando intende favorire la presentazione di ricerche che prevedano l’utilizzo di strumenti digitali sia nella fase di progettazione ed esecuzione, sia in quella di restituzione dei risultati finali e pertanto il candidato dovrà considerare la propria esperienza e l’attitudine nel campo del digitale, con particolare riferimento all’applicazione di Human Language Technologies, Historical Content Analysis, Temporal and Spatial Content Tracking, Data Visualization, GIS e Linked Open Data.

Non sarà trascurata, nella valutazione, la componente della dissemination, ovvero della restituzione, in ambiente virtuale e non soltanto, dei contenuti del progetto elaborato. Gli esiti della ricerca dovranno essere resi attraverso la presentazione di un saggio storico-critico e di un progetto di restituzione in forma digitale. Si sottolinea che tale prodotto digitale non verrà suggerito e fornito in alcun modo e sotto nessuna forma dalla Fondazione 1563, che tuttavia affiancherà il candidato nell’implementazione delle competenze digitali.
L’illustrazione delle modalità attraverso le quali si intende affrontare il percorso di ricerca e di presentazione degli esiti finali sarà parte integrante della candidatura.

www.fondazione1563.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Università Parigi-Saclay annuncia un programma di ricerca da 1 milione di euro per combattere il Covid-19

Next Article

Scuola, il piano è tornare in classe il 14 settembre senza mascherine: ma quanti ostacoli

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".