Bando per studenti e neolaureati 'creativi'

Un anno di stage in azienda per realizzare il progetto dei vostri sogni, magari proprio quello che avete nel cassetto da tempo. E in seguito avere anche la possibilità di essere assunti. Si chiama ’Giovani Talenti’ il bando riservato a 24 studenti o neolaureati, finanziato dalla presidenza Consiglio dei Ministri e promosso da associazione Luigi Pecci, Museo Pecci, Comune di Prato e Università di Firenze – dipartimento di Architettura. Dodici le aziende toscane che ospiteranno gli studenti per un periodo che potrà andare da 6 a 12 mesi. La tipologia delle aziende coinvolte spazia dal tessile all’arredamento, dalle realizzazione di caminetti e stufe alla lavorazione del marmo e della ceramica fino alle stampanti in 3D.
Una opportunità rivolta a giovani artisti e designer che, una volta in azienda, potranno sviluppare le loro idee innovative con materiali e caratteristiche tecniche definite in accordo con le aziende stesse. Gli stage saranno seguiti e monitorati da tutor esperti. Per tutti è prevista la partecipazione a nove incontri di formazione, mentre nella seconda fase una commissione tecnica sceglierà, tra le candidature e in base ai criteri indicati nel bando, 24 giovani che potranno sviluppare la loro idea. La fase di elaborazione durerà 6-12 mesi e prevederà un impegno di almeno due giornate al mese, da concordare con l’azienda.
Ai giovani selezionati verrà erogato il rimborso delle spese di viaggio, vitto e alloggio sostenute per l’intera durata del periodo in azienda, fino ad un massimo di 500 euro (con presentazione dei giustificativi di spesa) e il progetto verrà promosso e valorizzato attraverso la pubblicazione di un catalogo e di una serie di mostre che si terranno al Centro Pecci, a Officina Giovani e al Design Campus dell’Università di Firenze. I progetti saranno remunerati attraverso royalties che il giovane concorderà con l’azienda. Chi può fare domanda? Studenti e neo-laureati (da non oltre due anni) con precedenza per questi corsi di studio: disegno industriale (classe L-4) e design (classe LM-12), design del sistema moda (classe LM-12), o altre denominazioni delle medesime classi; poi scienze dell’architettura (Classe L-17), architettura (Classi LM-4 CU, e LM-4) e discipline artistiche e del design (Corsi di studio ISIA e Accademie, o corsi di studio equiparati del sistema AFAM). L’età massima è di 28 anni non compiuti. Le domande di partecipazione, compilate e firmate, dovranno essere inviate, in formato pdf, via posta elettronica all’indirizzo mail [email protected] entro il 2 febbraio, utilizzando unicamente il modello scaricabile dal sito, allegando tutti i documenti richiesti. Per scaricare il bando: https://portalegiovani.prato.it.
lanazione

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Anno 2020, ecco gli obiettivi degli studenti italiani

Next Article

Scuola, l'ultima capriola dell'Educazione civica. Ora sarà anche finanziaria

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.