Bando per l’assunzione in Università estere come docenti di italiano, stipendio fino a 1.700 euro al mese

Opportunità di lavoro in Università estere per laureati italiani: il Progetto Laureati per l’Italiano, nato grazie alla collaborazione dell’Università di Roma Tre, dell’Università per stranieri di Perugia e dell’Università per  stranieri di Siena, offre a brillanti laureati magistrali la possibilità di partecipare alla selezione per insegnare la lingua italiana in atenei esteri.
Possono partecipare alle selezioni i candidati in possesso dei seguenti requisiti: essere madrelingua italiano/a; essere in possesso della Laurea in una delle seguenti classi di Laurea: LM 14 Filologia Moderna; LM 36 Lingue e Letterature dell’Africa e dell’Asia; LM 37 Lingue e Letterature Moderne Europee e Americane; LM 38 Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale; LM 39 Linguistica o classe di laurea vecchio ordinamento equivalente; aver sostenuto esami pertinenti la Didattica delle lingue nel SSD L-LIN/02 (Didattica delle Lingue Straniere) per almeno 18 CFU (nei CFU possono essere compresi i CFU di tesi di laurea su tematiche della didattica/insegnamento dell’italiano L2 da specificare nella domanda); avere esperienza di insegnamento della lingua italiana a stranieri documentata per almeno 500 ore; avere età non superiore a 40 anni alla data di scadenza del bando in oggetto; avere un indirizzo di posta elettronica certificata; non essere in servizio con contratto a tempo indeterminato; avere i requisiti previsti dalle sedi scelte.
La selezione, inoltre, terrà in considerazione i seguenti criteri: voto di Laurea Magistrale; il possesso di Certificazioni relative alla Didattica dell’Italiano L2; il possesso di Master, Specializzazioni o Dottorati attinenti; il possesso del Livello B2 in una delle seguenti lingue: inglese, francese, spagnolo, tedesco; la conoscenza (A2/B1) di altre lingue (arabo, cinese o la lingua del paese scelto); altre esperienze di insegnamento in classi di italiano L2 (oltre le 500 ore); la pubblicazione di materiali didattici.
Le destinazioni per cui è possibile fare domanda sono: Albania, Bielorussia, Cile, Cina (5 posti), Estonia, Georgia, Iran, Lituania, Marocco, Romania, Serbia, Stati Uniti d’America (2 posti), Sud Africa, Thailandia, Algeria, Armenia, Ecuador, Egitto, Giordania, Indonesia (2 posti) Kazakhistan, Libano, Malesia, Myanmar, Sudan, Tanzania, Uzbekistan, Vietnam
Al termine dell’invio delle domande verrà stilata una graduatoria per ciascun Paese aderente al progetto. Le graduatorie saranno rese pubbliche sui siti web delle Università promotrici. La commissione giudicante si riserva la possibilità di contattare, in fase di selezione, i candidati via skype per un colloquio diretto.
La scadenza per presentare domanda è fissata al 7 marzo 2016. Le candidature dovranno essere inviate al Magnifico Rettore dell’Università per Stranieri di Siena tramite posta elettronica certificata a [email protected]. Maggiori informazioni sono reperibili sui siti delle Università promotrici del progetto. A questo link potete scaricare il bando ufficiale del progetto Laureati per l’Italiano.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Caro ministro, legga le nostre storie". La lettera aperta dei ricercatori a Poletti

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 24 febbraio

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.