Azienda & università: 4 le borse di studio

clip_image002.jpgLa crisi, la formazione, l’università, il mercato del lavoro e la ricerca. Grandi temi, ok, ma come armonizzare il tutto e creare quelle sinergie tra impresa, territorio e know-how universitario che possano dare risposte anche in termini occupazionali?

Devono averla pensata così alla “Dell’Orto”, azienda leader nel settore dei motori a scoppio, e al “Di.me”, il dipartimento di Ingegneria meccanica per l’energetica della Federico II di Napoli, che assieme hanno dato il via ad un sodalizio molto interessante: 2600 ore di formazione d’azienda ed universitaria per creare 4 figure altamente professionali nel settore dell’industria elettro-meccanica tramite il conferimento di borse di studio.
Il bando, con scadenza 16 aprile, è reperibile sul sito del Di.me – https://www.dime.unina.it – e si rivolge ai laureati in ingegneria meccanica ed informatica con la finalità di formare un tecnico specializzato nella messa a punto e nel collaudo di componenti per l’alimentazione di motori sia automobilistici che motociclistici, un tecnico specializzato nella sperimentazione di laboratorio e di sala prova motori, con ampia esperienza nel settore sia automobilistico che motociclistico, due tecnici specializzati nella progettazione e sperimentazione dei sistemi di controllo elettronico dei motori.
Le borse di studio si strutturano in tre moduli che prevedono sia un approfondimento nelle aule alla Federico II, sia un’ applicazione diretta delle stesse tematiche da affrontarsi in azienda, a Napoli, grazie a personale altamente specializzato che la Dell’Orto mette in campo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il campus corre sui binari dell’innovazione

Next Article

Fondazione Arpa: due borse per futuri medici de L'Aquila

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.