Avio: “Per 18 giovani master e lavoro in azienda”

master e lavoro in azienda

Master e lavoro in azienda ”L’Italia ha un futuro brillantissimo davanti a se’, a condizione che le competenze, le energie, la creativita’ e il rigore con cui sappiamo lavorare siano lasciati liberi di esprimersi al meglio”. Francesco Caio, ad di Avio, si e’ rivolto cosi’ ai giovani scelti per la 2/a edizione del Master di secondo livello in Ingegneria dei Sistemi di Propulsione, realizzato dal Politecnico di Torino (dove oggi e’ stato presentato) in partnership con il gruppo Avio e l’Unione Industriale e grazie al finanziamento della Regione Piemonte.

”Pur riconoscendo la fase di crisi del Paese e dell’Europa – ha aggiunto Caio – queste sono occasioni che dimostrano che ci sono opportunita’ di crescita, che c’e’ un futuro per l’industria competente in Italia e nel continente”. Al Master parteciperanno 18 ragazzi under 30 provenienti da diversi atenei italiani, che dal 23 settembre prossimo intraprenderanno un percorso di due anni con 400 ore di formazione in aula e 800 ore in azienda.

”Si tratta – ha concluso Caio – di un esempio virtuoso di collaborazione tra un’accademia, il Politecnico di Torino, un’azienda, la Avio, e una regione come il Piemonte che hanno interpretato in modo innovativo il contratto di apprendistato e danno per la seconda volta un’opportunita’ di lavoro a 18 giovani per insegnare loro il rapporto tra azienda, tecnologia, competitivita’ e territorio. E’ una miscela esplosiva in cui si mette insieme l’esperienza di chi insegna e lavora da tanto tempo con la capacita’ di guardare il mondo con occhi, voglie ed energia nuovi. Questo e’ il meccanismo che porta all’innovazione”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tre milioni di studenti europei con Erasmus

Next Article

Aereo San Francisco, due studentesse modello le uniche vittime

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.