Ateneo di Torino, lo stop ai test sui macachi è un attacco alla libertà di ricerca

“Tutte le prove chieste dal Consiglio di Stato già date prima”
“Le prove richieste con urgenza dal Consiglio di Stato sono già state presentate a tutti gli organi competenti durante l’iter per il conseguimento delle autorizzazioni necessarie a selezione e finanziamento del progetto”. Lo afferma l’Università di Torino in merito all’ordinanza che sospende il progetto Light-Up che coinvolge macachi nella sperimentazione sui deficit visivi umani. L’ateneo esprime “preoccupazione per la crescente messa in discussione del principio costituzionale della libertà di ricerca”.
Il progetto di ricerca Light-Up, sospeso in via cautelare dall’ordinanza del 23 gennaio del Consiglio di Stato, “è un importante progetto internazionale – sottolineano il rettore, la prorettrice, i vicerettori alla ricerca e la comunità scientifica dell’Università di Torino – che contribuisce all’eccellenza della nostra Università. Fino a oggi i ricercatori hanno sempre operato nel totale rispetto del quadro normativo ed etico nazionale e internazionale”. “La documentazione richiesta dal Consiglio di Stato – spiegano – risulta in possesso degli enti preposti. Non possono essere quindi ravvisate violazioni. Il disegno sperimentale approvato è totalmente aderente alla normativa e alle richieste del Consiglio di Stato, e come tale ‘riduce entro rigorosi parametri fisiologici le eventuali sofferenze’.
ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Le Università vanno a lezione di sviluppo sostenibile

Next Article

Accompagnatori vacanze studio: lavoro all’estero

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.