Atenei italiani virtuosi

atenei-virtuosi.pngSecondo la classifica elaborata dal Centre for Higher Education Development (CHE), pubblicata dalla rivista Die Zeit, media partner del CHE, l’Italia si posiziona nell’Excellence Group con le università di Bologna, Firenze, Milano, Padova e Roma per determinate discipline.
L’Università La Sapienza si distingue nell’ambito della ricerca nella discipline della fisica, già segnalate nel precedente rapporto, e della psicologia, disciplina inserita quest’anno per la prima volta. In particolare,  i ricercatori di Psicologia della Sapienza si sono messi in evidenza per l’internazionalità degli studi e per gli ottimi risultati conseguiti sulla base degli indicatori relativi alle pubblicazioni e alla mobilità dei docenti.
L’Alma Mater di Bologna è l’unico ateneo italiano a comparire ai primi posti di eccellenza in tutte e tre le aree disciplinari prese in esame: Economia, Scienze Politiche, Psicologia.
Dal 2007 Il Centre for Higher Education Development (CHE), istituzione indipendente con sede a Gütersloh, redige la classifica degli atenei virtuosi nelle seguenti discipline: Scienze Naturali, Economia, Scienze Politiche e Psicologia in Europa, prendendo in esame circa4.000 atenei europei ,dotati di centri di eccellenza nella ricerca.
I parametri su cui si basa la selezione sono i seguenti: risultati eccellenti riportati per i differenti indicatori di selezione (buone attrezzatture, orientamento al mercato del lavoro, eccellenza nella ricerca, logistica dell’Università e della città), numero di pubblicazioni scientifiche, carattere internazionale dell’istituto, rilevato in base ai dati del Master Erasmus Mundus e alla mobilità di studenti e insegnanti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pari opportunità all'Università

Next Article

Creatività giovanile

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".