Atei e agnostici hanno una vita sessuale migliore rispetto ai credenti

sb_getImage_cms_staibene.asp
Atei e agnostici avrebbero una vita sessuale migliore rispetto ai credenti. Il sondaggio è stato realizzato dallo psicologo Darrel Ray su un campione di 14500 persone dai diversi orientamenti sessuali.
L’intuizione dello psicologo è derivata dalla sua esperienza personale: dopo esser diventato ateo negli anni 70, il suo rapporto con il sesso è cambiato.E’ così che ha deciso di realzzare un sondaggio, finendo per scoprire che coloro che hanno abbandonato la via della fede tornano al sesso con maggiore entusiasmo.
Nella ricerca “Sex and secularism”, Ray ha dichiarato che esista una correlazione diretta tra senso di colpa e comportamento sessuale. Per gli atei, però, non è così. L’inibizione scompare. Ecco perché hanno una vita sessuale migliore rispetto a tutti gli altri. Oltre il 50% degli intervistati ha dichiarato di aver avuto un netto miglioramento nella sua vita intima dopo esser diventato ateo, il 29,6% non ha notato alcun cambiamento e il 2,2% ha dichiarato che sia invece molto peggiorato.
“Non riuscivamo a trovare le prove per questo” ha detto il dottore. “La gente vuole andare avanti con la propria vita sessuale e vuole divertirsi. Le persone non vogliono Gesù in camera da letto. E non importa se sono mormone, musulmane o cattoliche quando Dio sta guardando”.
AZ
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'olio extravergine di oliva previene l'alzheimer

Next Article

Uno studio sulle origini di Papa Francesco

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.