Arte solidale

Il 26 e 27 febbraio a Napoli “La Luna e le stelle” organizzata dall’Accademia di belle Arti.

L’Accademia di belle Arti di Napoli porta all’esterno i suoi talenti organizzando l’evento “La Luna e le stelle”.
Il corso di pittura del laboratorio coordinato dal professore Ninì Sgambati propone l’esposizione dei lavori dei suoi allievi nelle vetrine dei negozi intorno all’Accademia, una mostra insolita ma decisamente originale. Da Chianese Gioielli, Enoteca Dante al Caffè Letterario sarà possibile venerdì 26 e sabato 27 ammirare le creazioni dei giovani talenti napoletani e non solo, infatti, il pubblico riceverà in donazione le opere in cambio di un’offerta a favore dei terremotati di Haiti.
Unire insieme l’amore per l’arte e la solidarietà è ciò che gli studenti hanno in mente e a questo scopo si sono fatti promotori del progetto “Immagina. A symbol for Haiti”.
Fiero dei suoi allievi e dell’iniziativa il prof. Sgamabati ha dichiarato che questa manifestazione è una positiva apertura al pubblico, un corpo a corpo. “A mio avviso è un formidabile veicolo di comunicazione oltre che un’occasione di contatto diretto con gli spettatori” ha affermato. Altrettanto entusiasta il Direttore dell’Accademia Giovanna Cassese che ha dichiarato “ L’iniziativa vuole essere anche un’anticipazione del Premio delle Arti, la manifestazione per la quale il Miur ogni anno sceglie un’Accademia italiana, quest’anno la nostra, come sede espositiva delle opere dei migliori studenti delle Accademie d’Italia”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A Tolentino, corsi per la creazione di Virtual Tour

Next Article

Unimi, studenti contro il cda: "basta con le tasse fuorilegge"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".