Approda nel web Universitaly, il Miur per gli studenti

Nasce Universitaly, il nuovo sito del Ministero dell’Istruzione e dell’Università. Online da pochi giorni per aiutare gli studenti italiani e stranieri ad avere in un’unica piattaforma le informazioni sull’offerta formativa dei nostri atenei, accademie e conservatori.

Nasce Universitaly, il nuovo sito del Ministero dell’Istruzione e dell’Università. Online da pochi giorni per aiutare gli studenti italiani e stranieri ad avere in un’unica piattaforma le informazioni sull’offerta formativa dei nostri atenei, accademie e conservatori. Il ministro Profumo, intervenuto alla presentazione del sito, ha sottolineato che l’iniziativa risponde alle criticità viste da Bruxelles, in particolare dal commissario Europeo Quinn secondo cui le informazioni in Italia sono troppo nascoste, c’è una scarsa trasparenza ed una difficile valutazione da parte dello studente, soprattutto dei documenti scritti. “Sono un po’ troppo giurisprudenziali” ha commentato il ministro.

Universitaly è un sito statico dove è possibile fare la selezione del dove e del cosa studiare. Interessante la presentazione in inglese che potrà finalmente renderci più attrattivi verso gli studenti stranieri, presenti nel nostro Paese in percentuali ancora troppo basse. Marco Mancini presidente della Crui, la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, partner insieme al Cineca dell’iniziativa, ha sottolineato che “Universitaly è una piattaforma comparativa dove lo studente può verificare i servizi esistenti o meno nei vari atenei ed effettuare la scelta con maggiori elementi”. Secondo Mancini l’offerta complessiva sul web da parte degli atenei, dei propri servizi, stimolerà la concorrenza e ciascuno sarà votato al miglioramento.

Non ancora aggiornata la parte del post laurea e dei master, pronta invece la presentazione video di molti atenei. Gli aspiranti studenti avranno così uno strumento in più per avvicinarsi all’università dei propri desideri.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test irregolari, il Tar di Brescia ammette tutti i ricorrenti

Next Article

Telethon: fondi per la ricerca in Campania

Related Posts
Leggi di più

“Il prossimo ministro dell’Istruzione? Dovrà eliminare le teorie gender dalla scuola”

La vittoria di Fratelli d'Italia e Giorgia Meloni alle elezioni di domenica scorsa spinge le forze conservatrici a chiedere un'inversione di rotta sul tema dei diritti e dell'uguaglianza sessuale a scuola. L'associazione Pro Vita chiede che il nuovo inquilino di Viale Trastevere sia contrario "a qualsiasi colonizzazione ideologica gender e Lgbtqia+".