Telethon: fondi per la ricerca in Campania

In arrivo 700mila euro da Telethon per la ricerca scientifica in Campania. Salgono così a 67,3 milioni di euro i fondi totali stanziati ad oggi da Telethon nella Regione.

In arrivo 700mila euro da Telethon per la ricerca scientifica in Campania: dopo la valutazione da parte della Commissione medico scientifica, tra i diversi progetti finanziati compaiono anche quelli di Maria Chiara Maiuri, Maria Vittoria Cubellis e Valeria Raia della Federico II, di Caterina Missero del Ceinge-Biotecnologie avanzate, di Vincenzo Nigro della Seconda Università e di Giuseppina Andreotti dell’Istituto di Chimica biomolecolare del Cnr. Salgono così a 67,3 milioni di euro i fondi totali stanziati ad oggi da Telethon nella regione.

Oltre ai progetti partenopei Telethon evidenzia un importante rientro dagli Stati Uniti. Si tratta di Carmine Settembre, 34 anni, che dal Baylor College of Medicine di Houston tornerà all’Istituto Telethon di genetica e medicina (Tigem) di Napoli per continuare a studiare le malattie da accumulo lisosomiale, in particolare i danni che queste malattie metaboliche causano alle ossa.

Complessivamente, i progetti di ricerca sulle malattie genetiche finanziati da Telethon su base nazionale sono stati 44 per un totale di 11 milioni e 167mila euro. Molti dei progetti finanziati sono multicentrici, saranno quindi svolti singergicamente da più gruppi distribuiti sul territorio nazionale: in totale sono 66 i laboratori coinvolti.

Per maggior informazioni sulle specifiche malattie genetiche studiate si può consultare la sezione dedicata del sito di Telethon, https://www.telethon.it/ricerca-progetti/malattie-trattate/.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Approda nel web Universitaly, il Miur per gli studenti

Next Article

A Milano master in Data Management

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".