Anna Maria Ajello: “Dobbiamo andare oltre i test Invalsi”

anna maria ajello invalsi test invalsi

“Andare oltre i test Invalsi” – Ad affermarlo è lo stesso Presidente dell’Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione, la neoeletta professoressa Anna Maria Ajello in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera.

Dichiarazioni che sembrano aprire una vera e propria stagione di cambiamenti per il sistema Invalsi, al centro di un acceso dibattito fin dalla sua istituzione, nel 1999: “Noi siamo esperti che forniscono misurazioni, non valutazioni, la valutazione è il passo successivo – ha affermato il neo Presidente – L’Invalsi deve offrire strumenti alla scuola per valutarsi e in questa ottica dobbiamo andare oltre i test che ci sono e che comunque vogliamo mantenere, per offrire altri strumenti, altri tipi di prove. Tutte le prove, nel loro insieme, porteranno poi alla valutazione complessiva”.

E sulle funzioni dell’Istituto, la professoressa Ajello ha voluto precisare: “l’Invalsi offre strumenti, è come un termometro che può misurare la temperatura ma per la diagnosi serve una valutazione medica, adeguata”.

Non si tratta certo di una bocciatura di quello che fino a oggi è stato il metodo di valutazione dell’efficienza scolastica, ma solo di un cambio di prospettiva: “Dobbiamo continuare a fare rigorosamente quello che abbiamo fatto finora – prosegue Anna Maria Ajello – e tuttavia dobbiamo fare di più, se per esempio dobbiamo misurare le competenze sulla cittadinanza, e non solo sulla grammatica e sulla matematica, occorrerà studiare prove adeguate. Insomma ci rivolgiamo alla scuola in modo problematico e non autoritario, non siamo i controllori, diamo strumenti. Anche perché quali sono le competenze da misurare e poi valutare lo decide la politica e non l’Invalsi”.

Un approccio nuovo, ma che riattualizza allo stesso tempo tematiche di lungo periodo, così come sottolinea l’ex ministro Luigi Berlinguer: “Prima ancora della valutazione, tabù che abbiamo provato a infrangere perché alla fine degli anni 90 nessuno voleva sentirne parlare, c’è da definire la funzione del docente – afferma l’ex ministro, che prosegue – Vincere le resistenze significa da un lato abbandonare quell’idea della sacralità del professore che dice: “I voti li do io” ma nello stesso tempo dare grande valenza pubblica all’attività educativa. L’insegnante è sottovalutato, non può essere un impiegato civile dello Stato, l’insegnante è come il medico e come il magistrato, la sua è un’alta professione sociale. Se non facciamo questo prima di tutto non risolveremo il problema della valutazione”.

Tira un forte di vento di cambiamento sull’Invalsi; ora bisognerà vedere come le associazioni di docenti e quelle di studenti accoglieranno le suggestioni avanzate dalla professoressa Ajello e dal professor Berlinguer per “rivoluzionare” il sistema di valutazione dell’Istruzione italiana.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Barack Obama: "La storia dell'arte? Una materia inutile", ma poi ci ripensa e si scusa

Next Article

L'allarme del Cun: 8mila docenti in meno in 6 anni

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.