Andrea Bocelli Foundation: il 6 dicembre incontro al MIT di Boston sull’eccellenza scientifica

Andrea Bocelli

La Andrea Bocelli Foundation e il Massachusetts Institute of Technology, nella volontà di aprirsi al confronto e di condividere i risultati del lavoro comune, annunciano il workshop in programma a Boston per il prossimo 6 dicembre, alla presenza di nomi di eccellenza internazionale nei campi della ricerca scientifica e tecnologica e dell’economia dello sviluppo.

“Siamo davvero orgogliosi di questo progetto – dice la Presidente Laura Biancalani – e soprattutto che la sua valenza culturale, di innovazione e sviluppo sia stata riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri tanto da essere inserito nel programma ufficiale delle Celebrazione dell’Anno della Cultura Italiana in America. Siamo orgogliosi inoltre di avere ottenuto il patrocinio delle Università di Pisa, di Firenze, della Scuola Superiore Sant’Anna e di avere con noi rappresentanti di Università di un po’ tutte le parti d’Italia: il nord (Venezia Ca’ Foscari e Milano Bicocca), il centro (Pisa, Firenze e Scuola Superiore Sant’Anna), il sud (Palermo). Per la Scuola Superiore Sant’Anna parteciperà Massimo Bergamasco, fondatore del Laboratorio di Robotica Percettiva dell’Istituto Tecip, con un intervento su “tecnologie assistive” e sul “museo delle pure forme” di Pisa.

E’ la seconda giornata di studio che la Andrea Bocelli Foundation organizza al fine di divulgare i risultati raggiunti con la sua attività e stimolare il dialogo e la ricerca quale mezzi principali per la crescita comune.

“Siamo fieri che la Andrea Bocelli Foundation abbia scelto il MIT per collaborare alla realizzazione di questa importante occasione di approfondimento”, ricorda Jeffrey NewtonVice Presidente del MIT. “Condividiamo l’impegno della Fondazione nella ricerca tecnologia al fine di aiutare le persone a superare i propri limiti, soprattutto in quelli imposti alle persone non vedenti o ipovedenti, e ci sentiamo anche profondamente coinvolti nell’affrontare insieme la lotta per l’abbattimento della barriere imposte dalla povertà in tutto il mondo. Rendiamo onore alla Andrea Bocelli Foundation per l’impegno in questi due importanti ambiti”.

La giornata si articola nello specifico in due workshop paralleli dedicati ai programmi di intervento della Andrea Bocelli Foundation: Challenges e Break the Barriers; legati entrambi all’attività di ricerca del MIT.

Nel programma “Challenges” la Andrea Bocelli Foundation lavora con un gruppo multidisciplinare di ricerca del MIT per la realizzazione di un insieme di dispositivi che permetta al non vedente o ipovedente di acquisire maggiore autonomia soprattutto nella svolgimento della sua vita quotidiana e nella socialità.

Nel programma “Break the Barriers” la Fondazione agisce individuando interventi nella lotta alla povertà che siano misurabili per impatto e numero di vite salvate e per questo guarda con attenzione le attività di J-Pal, (Jameel Poverty Action Lab) al MIT, una rete internazionale di ricercatori che utilizzano la valutazione randomizzata come metodo per combattere la povertà.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miur: incontro Carrozza-sindacati: "Nessun taglio per scuola e università"

Next Article

Università: guerra ai "furbetti delle borse di studio"

Related Posts
Leggi di più

Francia, suicida la star dei social MavaChou: travolta dagli insulti dei fan dopo la separazione dal marito

Maëva Frossard, 32 anni, si è tolta la vita lo scorso 22 dicembre. La procura di Epinal vuole capire se il suo gesto può essere stato una diretta conseguenza degli insulti ricevuti sui social network dove lei aveva costrutito un piccolo impero grazie ai video sulla vita di coppia e consigli per l'acquisto con l'ex marito. La situazione poi è precipitata dopo la loro separazione.